I barracelli sorveglieranno il castello dei Malaspina

OSILO. È stata sottoscritta nei giorni scorsi la convenzione fra il Comune e la compagnia barracellare di Osilo, per la gestione di alcuni servizi di vigilanza e controllo del territorio. In...

OSILO. È stata sottoscritta nei giorni scorsi la convenzione fra il Comune e la compagnia barracellare di Osilo, per la gestione di alcuni servizi di vigilanza e controllo del territorio.

In particolare i barracelli dovranno assicurare la custodia dei beni patrimoniali, la protezione civile, la lotta al randagismo, il supporto alla polizia locale in particolari occasioni, il servizio antincendio durante l’estate. Il Comune corrisponderà alla compagnia barracellare un contributo di 20mila euro. Fra i siti principali che i barracelli dovranno sorvegliare, la convenzione indica la zona del castello Malaspina, insieme a tutte le aree dell’agro comunale interessate da abbandono di rifiuti. Riguardo queste ultime, la Compagnia barracellare ha l’incarico di provvedere al censimento delle stesse, allo scopo di consentire le operazioni di bonifica, che sarà eseguita dal Comune o, se individuati, dai responsabili dell'abbandono. Affidati alla vigilanza dei barracelli, anche gli impianti sportivi del Comune situati alla periferia del centro abitato, e le piazze e le pertinenze della rete viaria del territorio comunale in periferia e fuori dal centro abitato. In materia di protezione civile, la Compagnia garantirà il costante monitoraggio del territorio in occasione di allerta meteo della Regione, disponendo servizi specifici di vigilanza e controllo e con una reperibilità 24 ore su 24. Riguardo la lotta al randagismo, la Compagnia collaborerà per contrastare l’abbandono degli animali domestici e svolgerà specifici servizi per il rispetto delle ordinanze e dei regolamenti comunali sulla conduzione degli animali sia di affezione sia di allevamento. I servizi di supporto alla polizia locale potranno riguardare le feste, le sagre, le processioni religiose, le competizioni sportive. Il servizio antincendio, infine, dovrà essere svolto secondo le prescrizioni contenute negli atti che saranno emessi annualmente dalla Regione nell’ambito della prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi.

Mario Bonu

WsStaticBoxes WsStaticBoxes