Torregrande diventa capitale della Formula Kite

A settembre è in programma la 10ª edizione dell’Open Water Challenge, con oltre 100 partecipanti

ORISTANO. La decima edizione dell'Open Water Challenge porta in Sardegna l'European Championship di Formula Kite, evento internazionale pronto – dal 25 al 29 settembre - a colorare acque, cielo e spiaggia di Torregrande. Ancora una volta la costa sarda spalanca le sue porte al mondo, e dopo l'EuroSup Sardinia 2018 festeggia la decima candelina sulla torta Open Water con una manifestazione al sapor di Olimpiade – disciplina fresca di inclusione ai giochi olimpici di Parigi 2024 – organizzata con passione dalla Asd Eolo Beach.

Torregrande ospiterà quindi il campionato Europeo di Formula Kite griffato Ika, International Kiteboarding Association. «Stiamo parlando di una sorta di SuperBike delle competizioni internazionali per kitefoil – sottolineano gli organizzatori – che si differenzia dalla disciplina sorella, celebrata dalle KiteFoil World Series, per l’utilizzo di tavole e foil prodotti in serie».

Importanti i numeri dell'evento, cui parteciperanno oltre 100 atleti provenienti da tutto il continente fra uomini e donne. L'uomo da battere sarà il campione del mondo francese Nico Parlier, a dargli battaglia il monegasco Maxime Nocher, vincitore della Kite Foil World Series 2018, e i leader del ranking mondiale: il russo Denis Taradin e la stella inglese Guy Bridge. Massima soddisfazione fra gli organizzatori: «Siamo orgogliosi di poter ospitare l'Europeo di Formula Kite – ha dichiarato Eddy Piana, Open Water Challenge –. Nell’anno in cui Oristano è città europea dello sport non potevamo non essere presenti con il top dei water sport. Mostreremo al mondo bellezze e potenzialità del territorio».

Sulla stessa linea il presidente dell’Ika Mirco Babini: «Ogni volta selezionano la Sardegna e l’Italia come sedi di un campionato europeo o mondiale di kite mi si riempie il cuore di orgoglio. Vivo sull'Isola da tantissimi anni, ne conosco alla perfezione le potenzialità nella pratica degli sport legati al vento e al mare. Sarà uno spettacolo». Chiusura affidata a Sergio Cantagalli, event manager Owc: «Sono onorato di festeggiare il 10° compleanno dell’Open Water Challenge, un evento dal ricco contenuto storico che, anno dopo anno, ha regalato a questo territorio competizioni di alto livello tecnico. L’edizione 2019 si prospetta come l’ennesimo successo. Un grosso impegno organizzativo che ancora una volta dimostra la tenacia, la dedizione e la professionalità del team alle spalle dell’Open Water Challenge nello sviluppo di queste incredibili discipline».

L’Europeo non sarà l’unica competizione in programma nel corso della X edizione dell’Open Water Challenge. Restate connessi.

Giovanni Dessole

WsStaticBoxes WsStaticBoxes