Eccellenza al via con 16 squadre La Prima categoria “dimagrisce”

CAGLIARI. La scomparsa dal panorama del calcio dilettantistico isolano di ben tredici società, unita a fusioni e ripescaggi per compensare i vuoti, ha fatto sì che il Comitato regionale FIGC Sardegna...

CAGLIARI. La scomparsa dal panorama del calcio dilettantistico isolano di ben tredici società, unita a fusioni e ripescaggi per compensare i vuoti, ha fatto sì che il Comitato regionale FIGC Sardegna apportasse delle modifiche riguardo al numero delle squadre partecipanti, soprattutto nei tornei di Eccellenza, Prima e Seconda categoria, mentre la Promozione non ha subito variazioni.

In Eccellenza si torna al format classico di 16 formazioni, con l’inserimento di Carbonia (che si è fuso col Samassi) e La Palma M. Urpinu Cagliari, subentrato al Sorso. La Promozione resta a 32 squadre suddivise in 2 gironi da 16, Cortoghiana e Buddusò, entrambe inserite nel raggruppamento A, coprono i vuoti lasciati da minerari e cagliaritani. In Prima categoria, invece, calano le società iscritte, da 72 a 64, in base a ciò sono stati costituiti quattro raggruppamenti da 16 sodalizi ciascuno. Seguendo la graduatoria salgono Silanus, Terralba Francesco Bellu, Trinità e Sestu. Identico discorso in seconda categoria, dove si registrano 112 presenze, sette in meno rispetto allo scorso anno (119), formati 8 gironi da 14, sei le ripescate: Verde Isola Carloforte, Bariese Barisardo, Gairo, Girasole, Lotzorai , Calmedia Bosa. Non sono da escludere novità riguardo i meccanismi promozione- retrocessione, che verranno resi noti poco prima dell’inizio dei vari campionati.

Stefano Serra

WsStaticBoxes WsStaticBoxes