Il Carbonia cala il poker con il Giugliano

I minerari stravincono ma c’è tensione: tecnico e squadra in silenzio stampa

SANTADI. In una bellissima giornata i minerari vincono per 4 a 0 sul Giugliano, ultima in classifica, e tornano al quinto posto. Gli uomini di Mariotti, prima delle squadre sarde con 37 gol fatti e 28 subiti e 36 punti in classifica, una salvezza sempre più a portata di mano lanciano però segnali dopo partita preoccupanti, squadra e tecnico in silenzio stampa. Peccato perché il percorso sin qui, siamo alla quinta di ritorno per una neopromossa assemblata da capo seppure con l’abile regia del Ds Colombino e la grande esperienza di Mariotti mostra qualche crepa. Problemi legati alla mancanza di un campo di allenamento e ad un campo adeguato per giocare, quello di Santadi ha una superficie certamente inadatta ad un calcio di questa categoria. Peccato perché i bianco blu sembravano lanciati anche verso i play off. E le tensioni non potranno non avere ripercussioni sul campo, per quanto i ragazzi mirino a mettersi in mostra fino alla fine della stagione magari per opportunità nel prossimo campionato. E siamo alla cronaca. Cominciano in avanti gli avversari e provano a premere ma al 7’, sugli sviluppi di un corner, la palla viaggia al centro e poi ancora a sinistra da dove parte il cross sul quale Cappai si fionda come un falco e insacca l’1 a 0 con Mola sorpreso. Il Giugliano spinge alla ricerca del pari e al 9’ una palla passa pericolosamente davanti a Manis senza che nessuno riesca a deviarla. Poi è solo con qualche tiro dalla distanza che le due squadre provano a farsi male ma non succede nulla fino al termine della frazione. Alla ripresa qualche cambio subito per gli ospiti che provano a recuperare ma è ancora su calcio piazzato al 54’ che dapprima Cestaro colpisce il palo e sulla respinta Piras è velocissimo ad insaccare per il raddoppio. Al 59’ ci prova il Giugliano da fuori ma il tiro parato in due tempi, non è pericoloso, al 66’ Stivaletta viene lanciato sulla destra affianca il difensore e dal limite destro dell’area fa partire un diagonale che si insacca all’angolo opposto per il 3 a 0. Il Carbonia sembra in controllo di una gara che non avrebbe nulla da dire ma i campani sono comunque aggressivi e provano a strappare almeno il gol della bandiera. Ancora pressione dei campani ma al 93’ su un contropiede la palla arriva a Piredda che con due tocchi attira il difensore e poi libera sulla destra Agostinelli che ha davanti solo Mola e lo infila all’angolo di sinistra per il 4 a 0.

Carlo Floris

WsStaticBoxes WsStaticBoxes