Abbamele e mandorle ecco “sas copuletas”

Il capostipite della nostra pasticceria, la Pasticceria Mellino in via Santa Maria 12 a Nule, è stato mio padre Angelo nel 1970, classe 1951, nato in una famiglia di allevatori e abili tessitrici,...

Il capostipite della nostra pasticceria, la Pasticceria Mellino in via Santa Maria 12 a Nule, è stato mio padre Angelo nel 1970, classe 1951, nato in una famiglia di allevatori e abili tessitrici, per niente amante dello studio, nonostante i continui rimproveri: «O lo studio o il sacerdozio», decide di dedicarsi alla vita agropastorale insieme al padre. Ma quell'ambiente, non era facile, quindi in famiglia si decide di inviarlo ad Ozieri in un laboratorio artigianale di pasticceria, dai fratelli Bellu. Per un anno rimane da loro ad imparare i segreti del mestiere, tanto è vero che i nostri prodotti sono molto simili a quelli del capoluogo Logudorese. Rientrato “a bidda” apre un laboratorio artigianale, oggigiorno è sempre lo stesso con parecchie migliorie, e lavora con la sua famiglia. Dopo sette anni, l’anno del suo matrimonio, trova impiego con lui anche mia madre Giovanna, gran golosa di dolci, trasferitasi da Osidda a Nule. All'epoca producevano soltanto biscotos, amaretos e suspiros. Poi, col tempo, con la famiglia che cresceva: con la mia nascita e successivamente mia sorella Giuseppina. Lavoriamo tutti insieme e produciamo pabassinos, tilicas, copuletas e altro. Il dolce che voglio proporre è: sa copuleta. Ingredienti: 1 Kg. 1 di farina, 4 uova, 300 g di zucchero, 1 bustina di lievito, 25 g di ammoniaca, 1/4 di lt di latte, limone biologico grattugiato. Per su pistiddu: abbamele , semola, mandorla, marmellata biologica di arance o mele cotogne o fichi di nostra produzione. Per la glassa: 2 albumi 400 g di zucchero, 1 bicchiere d' acqua. Si prepara il ripieno impastando abbamele, semola, mandorle e marmellata. Si procede quindi alla lavorazione della sfoglia impastando: farina, uova, zucchero, lievito, ammoniaca, latte e scorza di limone. Si fa riposare per mezz’ora. Si riprende poi e si stende la sfoglia; si farcisce col ripieno e si ritagliata con una formina. La copuleta viene cotta in forno caldo a 200° per 15 minuti. Viene poi fatta raffreddare e decorata con la glassa di zucchero. Lo zucchero viene sciolto nell’acqua che viene poi mescolata all’albume montato.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes