Come orientarsi in un meraviglioso labirinto di parole

PERUGIA. Diciotto relatori per ricordare “Le magie del contastorie” Andrea Camilleri in un convegno – con la regia del professor Giuseppe Marci che, a Cagliari, da anni, ha creato, con i Quaderni...

PERUGIA. Diciotto relatori per ricordare “Le magie del contastorie” Andrea Camilleri in un convegno – con la regia del professor Giuseppe Marci che, a Cagliari, da anni, ha creato, con i Quaderni camilleriani, il principale centro-studi europeo sull'inventore del commissario Montalbano. L'incontro si tiene domani all'Università di Perugia. Marci, con Giovanni Capecchi e Maurizio Pistelli, dirige il comitato scientifico del primo incontro dopo la morte dello scrittore.

Dopo i saluti della rettrice Giuliana Grego Bolli e l'introduzione di Capecchi, sarà Marci ad aprire convegno con la relazione “La visione storico-civile di Camilleri dalle prime opere a Il Cuoco dell'Alcyon”. Seguiranno diverse relazioni: “Camilleri poeta” con Daniele Piccini, “La storia e l'invenzione: il Seicento di Camilleri” con Mario Biondi, “Rivisitazioni risorgimentali” con Fabrizio Scrivano, “Camilleri pirandelliano” con Simona Costa dell'Unitre di Roma e “La normalità linguistica come sperimentazione” con Costanza Geddes di Filicaia dell'ateneo di Macerata. Alle 15 altri interventi di Luca Grovi, Filippo Lupo, Giuliano Giubilei. Segue “La voce dei lettori” ancora con Filippo Lupo, Bruno Taburchi e Annamaria Romano (Associazione culturale Clizia) e “Sceneggiatore Montalbano” con Salvatore De Mola. Alle 18.15 letture con Simonetta Agnello Hornby e Carlo Lucarelli. Le conclusioni con l'ultima intervista realizzata da Domenico Iannacone. Nello scorso aprile Andrea Camilleri aveva detto di se stesso: «Sono un contastorie e quindi questa specie di coltivata oralità che ho sempre avuto mi ha aiutato molto».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes