I cinque latitanti sconfitti a Morgogliai

Sempre il 12 luglio 1899 La Nuova rievoca i precedenti dei banditicoinvolti nel conflitto a fuoco I latitanti caduti ed il Lovicu erano veramente fra i dodici o quindici che più terrorizzavano il...

Sempre il 12 luglio 1899 La Nuova
rievoca i precedenti dei banditi
coinvolti nel conflitto a fuoco



I latitanti caduti ed il Lovicu erano veramente fra i dodici o quindici che più terrorizzavano il circondario di Nuoro.

I Serra Sanna si erano resi tristemente famosi con bandi proibenti il lavoro nei campi e nei vigneti di taluni proprietari.

L'Elia era il più feroce. Doveva rispondere di parecchi omicidi, compresi due o tre mancati in persona di carabinieri.

Chi conobbe a Nuoro il Giacomo nel tempo in cui egli era soltanto ammonito, previde la triste fine, per quanto non avesse provato l'impressione di un uomo veramente terribile.

Il Virdis e il Lovicu contavano anche essi bruttissimi precedenti. Il Lovicu più svelto di tutti, non è difficile, come si suppone, che siasi internato in qualche macchione, ovvero che sia riuscito ad aprirsi un varco, può darsi che siasi rifugiato in qualche nascondiglio e che ivi sia morto in seguito a ferite.

Il Giuseppe Pau era il socio di tutti i malandrini che più si distinguevano.

D'anni 30 da Oliena, erasi dato alla latitanza per un furto di capre.

Egli per precauzione si era dato alla campagna, ma nel frattempo tentava un accomodamento con la parte lesa. Unitosi, durante il periodo di trattative coi pastori dorgalesi, proprietari delle capre, col latitante Castangia, si trovò in un conflitto nel quale rimaneva ucciso il carabiniere Laconi. Dopo questo, compromesso vieppiù, si unì al Castangia, morto questo al Corbeddu e al Mulas, poi al Berrina e ai latitanti nuoresi. Doveva rispondere di cinque omicidi, a quanto si diceva non era un ladro, assassinava per vendetta. Dicesi che si trovasse all'assassinio dell'appuntato Sini, insieme al Lovicu ed ai Serra Sanna.

Il suo salvataggio in tutti i conflitti formava un punto interrogativo.

Ieri, finalmente, venne la sua ora.

Da molto tempo si lavorava per la distruzione dei cinque latitanti ora unitisi.

E sarebbe avvenuta prima di ieri, se non fossero prevalsi a Roma criteri che oggi non è il caso di illustrare.



Per chi vuole saperne di più, ecco alcuni testi disponibili su internet:

“I fratelli Serra Sanna, «sos senadores». Sanguinari e temuti, i due rimasero uccisi nel conflitto di Morgogliai”, di Angelo De Murtas – ricerca.gelocal.it/lanuovasardegna/archivio/lanuovasardegna/2000/02/28/SL301.html

it.wikipedia.org/wiki/Lussorio_Cau

www.manifestosardo.org/la-battaglia-del-morgogliai/

WsStaticBoxes WsStaticBoxes