Vai alla pagina su Tutto Dinamo

La Dinamo in Irpinia Petteway resta a casa

Basket, domani la delicata sfida di campionato in casa della Sidigas Avellino Società sul mercato, per l’ala americana è l’anticamera del taglio

SASSARI. Pronti al decollo, direzione Avellino, ma stavolta Terran Petteway resta a casa. La Dinamo parte oggi alla volta dell’Irpinia, dove domani a mezzogiorno incrocerà i guantoni con un pugile in difficoltà ma che mercoledì ha tirato fuori l’orgoglio.

Al PalaDelMauro i biancoblù di Vincenzo Esposito si presenteranno senza quella che, in teoria, sarebbe la loro ala piccola titolare: a fine mattinata il club biancoblù ha comunicato che l’ex giocatore di Pistoia non prenderà parte alla trasferta; poi, nel pomeriggio, in conferenza stampa, lo stesso Esposito ha confermato che società e staff stanno facendo tutte le valutazioni del caso. «Abbiamo sempre tenuto un occhio al mercato – ha detto il coach – ma ora è chiaro che implementeremo ulteriormente la nostra ricerca».

Un taglio annunciato. Ancora non è un taglio a tutti gli effetti, ma è come se lo fosse. I due mesi di “appello” dati al giocatore non hanno portato i risultati sperati, così come il tentativo del tecnico di recuperarlo dal punto di vista mentale garantendogli tanti minuti in campo, molti più di quanto il suo rendimento non suggerisse. Contro gli irpini, il Banco di Sardegna avrà dunque un uomo in meno e non si tratta di una novità di poco conto, dato che nelle prime dieci giornate di campionato Petteway è stato il giocatore più impiegato: 29,4 minuti di media a partita, con 12,3 punti e 5,4 rimbalzi. C’è insomma un “tesoretto” di 30 minuti e 11 tiri (quanti ne prendeva di media l’ala originaria del Texas. Nuovi equilibri e nuove alchimie, per una Dinamo che con 5 gare da giocare nel girone d’andata deve vincere per non perdere terreno rispetto all’ottavo posto, che garantisce il pass per la Final Eight di Firenze.

Un match delicato. La Scandone Avellino vive un momento di seria difficoltà dal punto di vista societario, che si riflette pesantemente sulla squadra: alcuni dei giocatori più rappresentativi (e costosi), come Cole e l’ex biancoblù Caleb Green, sono dati per partenti, ma intanto mercoledì i lupi hanno battuto un colpo importante, superando l’Mhp Riesen Ludwigsburg in Champions League.

Esposito dixit. «Abbiamo avuto giusto il tempo di archiviare la partita di coppa contro Varese – ha detto ieri il coach biancoblù – e, dobbiamo concentrarci immediatamente sulla prossima gara di campionato ad Avellino. Giochiamo contro una squadra che ha un roster di altissimo livello, molto vicino alla qualità di Milano. Servirà una partita importante, dobbiamo cercare di giocare bene e prendere le cose positive fatti nei primi tre quarti con Varese. Avellino è una squadra che ha fisicità importante e giocatori di talento e di uno contro uno di primissima fascia. Sappiamo cosa dobbiamo fare, dobbiamo mettere in pratica tutto. In mattinata abbiamo lavorato bene per preparare questo appuntamento. Quindi testa ad Avellino per cercare di fare risultato, che sarebbe molto importante per il campionato, visita la classifica corta come non mai negli ultimi anni, per posizionarci nella metà alta della classifica. Ripartiamo dalle cose buone fatte nelle ultime gare e cerchiamo di non ripetere gli stessi errori, soprattutto in relazione al ritmo e alla gestione del vantaggio».

«Saremo ad Avellino senza Petteway – aggiunge Esposito –, ma stiamo facendo delle valutazioni che riguarderanno anche tutto il gruppo nel suo complesso, e vedremo se e come guardare al
mercato. I ragazzi sono consci di ciò che abbiamo sbagliato così come sono consci di quello che abbiamo fatto bene, l’importante sarà avere la lucidità e la mentalità per eliminare ogni volta qualcuno degli errori fatti e migliorare sempre nei dettagli e nelle cose ben fatte».



TrovaRistorante

a Sassari Tutti i ristoranti »

Il mio libro

NARRATIVA, POESIA, FUMETTI, SAGGISTICA

Come trasformare un libro in un bestseller