La Nuova Sardegna

La Nuova @ Scuola - I Partner
Nuova Scuola partner

CIPSS, il consorzio industriale aiuta le buone idee a diventare imprese

CIPSS, il consorzio industriale aiuta le buone idee a diventare imprese

Valerio Scanu: bonifiche, porto, chimica verde, ora è chiaro a tutti che non è possibile gestire situazioni complesse senza collaborare con gli altri

06 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Quante persone lavoreranno nelle zone industriali bonificate? Quali opportunità professionali ci sono per i giovani? Perché la chimica verde non è cresciuta come avrebbe dovuto? Le domande degli studenti dell’Ipia di Alghero e del Nautico Paglietti di Porto Torres hanno vivacizzato l’incontro nella sala dell’incubatore di imprese che il Consorzio industriale provinciale di Sassari-Porto Torres e Alghero ha aperto per la prima visita guidata organizzata dal Cip nell’ambito del progetto La Nuova@Scuola, di cui il Consorzio è partner. Fino a quel momento il presidente Valerio Scanu, aveva spiegato concetti non semplici. La raffica di domande generate dalla sua relazione è stata la dimostrazione del successo della iniziativa.

Valerio Scanu ha spiegato ai giovani cosa è un consorzio industriale e ha descritto la situazione dei siti di Sassari, Porto Torres e Alghero. La scelta dell’incubatore di imprese non è stata casuale. Gli studenti hanno trovato ad attenderli anche il sindaco di Porto Torres, Massimo Mulas, che non si è limitato ai saluti istituzionali, ma ha partecipato a uno scambio di idee ricco e costruttivo.

«Siamo qui – ha introdotto i lavori Valerio Scanu – per trasferirvi conoscenze e darvi informazioni utili che possono esservi utili per il vostro futuro, quando dovrete decidere cosa fare». »L’incubatore di imprese che vi ospita – ha proseguito il presidente del Cip – accoglie i giovani imprenditori che hanno buone idee da realizzare, mette a disposizione delle start up spazi a prezzi vantaggiosi. Qui, insomma, nascono le aziende del futuro».

Ai ragazzi e alle ragazze è stato chiaro il motivo per cui un ente pubblico economico costituito dai Comuni di Sassari, Alghero, Porto Torres e dalla Provincia pensa anche ai giovani, oltre a occuparsi della gestione delle aree e della complessa gestione di un sito industriale di rilevanza nazionale. Lo si è capito quando il dialogo tra gli adulti e i ragazzi ha toccato il tema del futuro.

Massimo Mulas ha risposto alle domande degli studenti e ha rivolto loro un invito appassionato a prendere in mano le redini della propria vita sfruttando le opportunità che la scuola e la formazione offrono. Affrontando il tema del porto e del suo futuro, il presidente del consorzio industriale provinciale e il primo cittadino di Porto Torres si sono trovati sulla stessa linea: «Non è possibile – è la sintesi del loro ragionamento – gestire situazioni complesse senza collaborare con gli altri». Concetto che vale per la questione delle bonifiche così come per lo sviluppo di un porto dalle immense potenzialità, fino alla realizzazione di progetti all’avanguardia come quello per il trattamento della posidona o quello del biometano.

Alla fine dell’incontro, visitando le imprese che crescono nell’incubatore, alcuni dei giovani di Alghero e Porto Torres hanno pensato che quello potrebbe essere il posto giusto per realizzare un progetto di vita.
 

In Primo Piano
La polemica

Pro vita e aborto, nell’isola è allarme per le nuove norme

di Andrea Sin
Le nostre iniziative