Auto abbandonate: riprendono le rimozioni

Il Comune prosegue l’opera di bonifica: le sanzioni sono a carico dei proprietari dei rottami

ALGHERO . Mentre la stagione estiva si avvia verso la conclusione, è ripresa l'attività di rimozione delle tantissime auto abbandonate in città e nella periferia.

Un’attività che è sempre stata uno dei punti fermi dell'assessore all'ambiente Andrea Montis, che ribadisce il concetto «Il Comune ha il dovere di rimuovere le tante auto, alcune parcheggiate addirittura da oltre dieci anni, in molte zone della città. Alcune sono state già rimosse prima dell'estate, tantissime ancora sono rimaste da rimuovere. Sono tutte censite e si va avanti seguendo quelle che sono le regole». Montis ha tenuto a ribadire questo particolare perché anche se è conclamato che un’ auto è abbandonata, per legge occorre individuare il proprietario, intimargli la rimozione entro un certo periodo. Se, trascorso questo periodo, il proprietario non avesse provveduto alla rimozione, allora il Comune potrà procedere con la rimozione forzata del mezzo. Una procedura burocratica indispensabile ai fini legali che, chiaramente, allunga i tempi. Più lunghi se si tratta di mezzi posti sotto sequestro giudiziario. Li c'è una procedura particolare da seguire.

«In ogni caso andiamo avanti - ha promesso l'assessore Montis - sinora abbiamo recuperato circa quaranta auto, all’elenco ne mancano ancora circa ottanta. Abbiamo ripreso in questi giorni. Tra l'altro si cerca di capire chi siano i proprietari e, se non provvedono loro in prima persona alla rimozione lo facciamo noi d'ufficio con l’aggravante che poi addebitiamo i costi per il recupero e la demolizione del mezzo. Sino a questo momento - ha concluso Andrea Montis - i cittadini che abbiamo contattato hanno pagato quasi tutti».(n.n.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes