Maxi-rogo nel Sud Sardegna, distrutti 1500 ettari di macchia e bosco

Continuano le operazioni di spegnimento e bonifica con un Canadair e tre elicotteri. I danni sono ingenti

CAGLIARI. Oltre 1.600 ettari di macchia mediterranea e boschi consumati dalle fiamme, alcuni ovili danneggiati e qualche traversina della linea ferroviaria Seui-Mandas bruciata. È il bilancio, ancora provvisorio, del maxi-incendio scoppiato ieri nell'area compresa tra Isili-Nurri-Orroli-Villanova Tulo, nella provincia del Sud Sardegna. L'ammontare dettagliato dei danni, comunque ingenti, non è ancora stato del tutto quantificato visto che le fiamme non sono ancora state spente completamente.

I vigili del fuoco, gli uomini del Corpo forestale e della protezione civile hanno lavorato tutta la notte per arginare i vari focolai, soprattutto nella zona di Nurri. L'assessore regionale all'Ambiente, Donatella Spano, il direttore della Protezione civile, Graziano Nudda, e il comandate del Corpo forestale, Gavino Diana, per tutta la serata hanno seguito nella sala operativa della Protezione civile gli interventi, contattando i sindaci della zona.

Rogo a Nurri, la spettacolare manovra del Canadair sul lago Mulargia

Attualmente la situazione è sotto controllo. Accanto alle squadre a terra stanno intervenendo ancora un Canadair e tre elicotteri della flotta regionale.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes