Decimoputzu, presi due cugini rapinatori seriali dei supemercati

I due agivano negli esercizi commerciali dei paesi del circondario

DECIMOPUTZU. Presi dai carabinieri i presunti rapinatori seriali autori dei colpi messi a segno recentemente in supermercati e bar-tabacchi di Decimomannu, Uta, Villaspeciosa e Vallermosa, in quest’ultimo caso anche con un colpo di fucile sparato dai malviventi senza fortunatamente ferire persone.

I carabinieri del reparto investigativo provinciale, in collaborazione con i colleghi del nucleo investigativo della compagnia di Iglesias, hanno arresto questa mattina 6 aprile, su ordine di custodia cautelare della Procura di Cagliari, i cugini Salvatore Nonne, 39 anni, e Giovanni Nonne, di 30, originari del Nuorese e residente a Decimoputzu, zona case sparse, dove fanno gli allevatori nell’azienda di famiglia.

I due agivano sempre al momento della chiusura serale delle attività commerciali prese di mira, presentandosi in coppia con il viso coperto da passamontagna e armati di fucile con canne mozzate. Poi scappavano su una Panda grigia. In un market di Vallermosa il titolare del negozio aveva reagito e affrontato i rapinatori, uno dei quali aveva sparato un colpo di fucile senza però colpire il commerciante. Con gli elementi raccolti con le testimonianze e le immagini dei sistemi di video sorveglianza, gli investigatori dell’Arma sono risaliti ai due allevatori nuoresi trapiantati a Decimoputzu e presentato un rapporto al magistrato.

Stamattina sono state eseguite le ordinanze di custodia cautelare in carcere per i due presunti rapinatori. In un boschetto vicino all’azienda dei due sono stati trovati il fucile con le canne mozzate e l’abbigliamento che i due indossavano per compiere le rapine.(luciano onnis)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes