Orrore a Villacidro: cane incatenato a un albero denutrito e con gravi ferite a collo e orecchie

Il cane salvato dai carabinieri

I carabinieri hanno denunciato il proprietario del terreno. La catena corta impediva alla povera bestiola di accucciarsi o di ripararsi dalla pioggia

VILLACIDRO. Legato con una catena cortissima a un albero, con ferite al collo e in forte stato di denutrizione: un cane meticcio di taglia media, quadri allo stremo delle forze, è stato rintracciato dopo una segnalazione arrivata al 112 dai carabinieri della stazione di Villacidro che lo hanno liberato e portato in caserma per essere rifocillato e visitato da un veterinario. Poi è stato affidato a un canile. Il fatto è di ieri pomeriggio 21 aprile.

I carabinieri della stazione sono intervenuti per accertare se fosse vera la segnalazione di un anonimo che aveva richiesto di verificare le condizioni di un cane legato a un albero in località “Riu Peis”. I militari sono immediatamente intervenuti per le ricerche e hanno rintracciato un meticcio di media taglia, sprovvisto di microchip, legato a un albero con una catena piuttosto corta, in grave stato di denutrizione e con vistose ferite al collo e alle orecchie. In quelle condizioni non aveva nemmeno la possibilità di trovare un riparo durante le piogge battenti dei giorni scorsi o di accucciarsi in un luogo più caldo nelle ore più fredde della notte.

L'animale, dopo essere stato visitato dal veterinario di turno dell'Asl di Sanluri, è stato sottoposto a sequestro è affidato in custodia a un idoneo canile. Si ricerca qualcuno che voglia adottarlo, ha un carattere splendido nonostante le sofferenze patite, è molto affettuoso e può rappresentare certamente un’ottima compagnia ad esempio per una persona sola. Il proprietario del terreno, un operaio 44enne del luogo, è stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Cagliari, per maltrattamenti di animali e per l'abbandono dello stesso.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes