La Nuova Sardegna

Cagliari

Tentato omicidio

Lo studente accoltellato alla gola a Capoterra è fuori pericolo, sospeso il coma farmacologico

di Luciano Onnis

	Studenti davanti alla scuola di Capoterra dove è avvenuto l'accoltellamento
Studenti davanti alla scuola di Capoterra dove è avvenuto l'accoltellamento

Il giovane paziente sarà presto trasferito nel reparto di cardiologia, tuttavia la prognosi rimane riservata

06 dicembre 2023
1 MINUTI DI LETTURA





Capoterra Sospeso dai medici del reparto di Cardioanestesia dell’ospedale Brotzu il trattamento di coma farmacologico per lo studente quindicenne di Capoterra ricoverato e operato d’urgenza dopo essere stato accoltellato all’uscita da scuola da un compagno di 14 anni, entrambi al primo anno di corso dell’istituto superiore Sergio Atzeni di Capoterra, seppur in classi differenti. Il giovane paziente può  essere considerato fuori pericolo e presto sarà trasferito in un altro reparto di cardiologia. Tuttavia la prognosi rimane riservata.

L’aggressore, inizialmente portato in stato di arresto nel carcere minorile di Quartucciu perché accusato del reato di tentato omicidio, è stato trasferito in una comunità protetta. Domani a mezzogiorno si terrà l'udienza di convalida dell’arresto, nel corso della quale il giovanissimo indagato, difeso dall’avvocato Piergiorgio Piroddi, potrebbe fornire la sua versione dei fatti e spiegare cosa lo ha spinto a prendere un coltello da cucina che si era portato appresso da casa nello zainetto e colpire nella parte bassa del collo il compagno di scuola.

Secondo quanto affermato dal padre, il ragazzino sarebbe vittima da anni, praticamente dalle scuole elementari, di azioni di bullismo che lo avrebbero portato spesso all’esasperazione. Potrebbe essere successo anche adesso che frequenta la scuola superiore di Capoterra, finché  lunedì all’uscita dalle lezioni si è reso responsabile del grave fatto di sangue. (l.on)

In Primo Piano
Politica

Sassari, il primo discorso di Giuseppe Mascia: «È venuto il momento della responsabilità: le priorità sono lavoro e salute»

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative