La Nuova Sardegna

Cagliari

Corpo forestale

Operazione antibracconaggio nel sud Sardegna: cinghiale ucciso con l’arpione di un fucile subacqueo

Operazione antibracconaggio nel sud Sardegna: cinghiale ucciso con l’arpione di un fucile subacqueo

Un pensionato di Quartu e un artigiano di Capoterra colti in flagranza di reato mentre piazzavano lacci d’acciaio per la cattura

05 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Cagliari Il bilancio di due operazioni antibracconaggio, condotte dal Corpo Forestale del Servizio territoriale di Cagliari, è di due denunce e il sequestro di decine di lacci per la cattura illegale di cervi e cinghiali. Sotto indagine le nuove modalità di uccisione della fauna, associate a crudeltà.

In due distinte operazioni, condotte dal personale delle Stazioni forestali di Sinnai e Uta, rispettivamente nelle pendici del massiccio dei Sette Fratelli e nel Parco regionale di Gutturu Mannu, sono state colte in flagranza di reato due persone: un pensionato 74enne di Quartu Sant’Elena e un artigiano sessantenne di Capoterra. I due erano intenti a piazzare dei lacci d'acciaio per catturare cervi e cinghiali. Entrambi risponderanno del reato di esercizio di caccia con mezzi non consentiti, punito con l'arresto sino ad un anno.

L'artigiano di Capoterra dovrà rispondere anche di detenzione illegale di munizioni, poiché nel corso della perquisizione domiciliare è risultato in possesso di 50 munizioni per pistola, reato sanzionato con la pena dell'arresto sino a 12 mesi.

Nel corso delle perlustrazioni antibracconaggio del territorio, il personale del Corpo forestale ha scoperto nella pineta di Sinnai un cinghiale che era stato gravemente ferito con un arpione da fucile subacqueo. L'animale benché soccorso dai Forestali è morto a causa della grave ferita.

L'episodio colpisce oltre che per la crudeltà esercitata verso l’animale anche per lo spregio della sicurezza dei numerosi frequentatori del luogo. Si chiede ai cittadini di Sinnai di segnalare al 1515 eventuali notizie utili per assicurare alla giustizia il bracconiere, anche sotto la forma di fonte confidenziale.

Il fenomeno del bracconaggio, ancora presente in Sardegna, è contrastato dalla continua e capillare attività del Corpo Forestale nel territorio, a tutela gli habitat e la biodiversità.

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative