La Nuova Sardegna

Nuoro

Preoccupa l’eternit in case private

Preoccupa l’eternit in case private

Macomer, il Comune e gli altri enti hanno già provveduto a rimuovere i pannelli

29 agosto 2014
2 MINUTI DI LETTURA





MACOMER. Il Comune ha fatto la sua parte negli anni scorsi eliminando gran parte delle lastre in cemento amianto utilizzate per coprire molti edifici. L’Arst sta procededendo già da alcuni mesi a eliminare l’eternit presente nelle case cantoniere e nelle stazioni ferroviarie lungo le linee Macomer-Bosa e Macomer Nuoro. Poco, invece, è stato fatto da parte dei privati. A Macomer il cemento amianto è presente un po dovunque, soprattutto nella parte vecchia dell’abitato, non nel centro storico dove si notano solo poche lastre in eternit utilizzate fino agli anni Ottanta per sostituire le tegole malandate di qualche tetto, ma nei rioni sorti a partire dagli anni Cinquanta. Ce n’è ancora parecchio anche nella zona industriale di Bonu Trau e qualcosa è visibile in alcuni edifici della zona industriale di Tossilo. La maggiore presenza del pericoloso materiale si registra però in centro e persino nei tetti di alcuni edifici del corso Umberto e di via Roma si vedono lastre in eternit messe in opera trenta o quarant’anni fa. Macomer è uno dei comuni sardi dove in passato si è fatto maggior uso del cemento amianto. Ce n’è dovunque, ma soprattutto nei vecchi immobili che furono adibiti a magazzini e opifici. Nel 2009 l’amministrazione comunale ha avviato una campagna per bonificare gli edifici di proprietà dell’ente con copertura in eternit. Tra gli immobili sui quali si è intervenuti ci sono i capannoni della fiera del bestiame, dove oltre ad eliminare il pericoloso materiale e a realizzare un nuovo tetto, sono stati installati anche i pannelli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica. Si tratta di alcune centinaia di metri quadri di lastre in eternit che sono state eliminate e smaltite correttamente grazie anche a un contributo della Provincia. Anche diversi privati hanno avviato la bonifica degli edifici di loro proprietà nei quali sono presenti elementi in cemento amianto. Gli interventi riguardano soprattutto la zona artigianale di Bonu Trau dove diversi capannoni costruiti tra gli anni Settanta e Settanta sono stati coperti con lastre in eternit. In molti di questi edifici si presentavano fortemente degradate e tendevano a polverizzare. (t.g.t.)

In Primo Piano
L’intervista

L’assessore regionale Franco Cuccureddu: «Possiamo vivere di turismo e senza abbassare i prezzi, inutile puntare solo su presenze e grossi numeri»

di Luigi Soriga
Le nostre iniziative