La Nuova Sardegna

Nuoro

aritzo

Successo di Mapp.arte, il progetto dell’Abbicultura

Successo di Mapp.arte, il progetto dell’Abbicultura

ARITZO. È partito mercoledì ad Aritzo Mapp.arte, progetto di protagonismo giovanile e di cittadinanza attiva, ideato dall’associazione di promozione sociale Abbicultura, con la collaborazione del...

31 gennaio 2017
2 MINUTI DI LETTURA





ARITZO. È partito mercoledì ad Aritzo Mapp.arte, progetto di protagonismo giovanile e di cittadinanza attiva, ideato dall’associazione di promozione sociale Abbicultura, con la collaborazione del Comitato Giovani della Commissione italiana per l’Unesco, con il patrocinio dell’Assessorato al Turismo della Regione Sardegna e finanziato, in questo caso, dal Comune di Aritzo.

Il progetto, coinvolge bambini e ragazzi di diverse fasce d’età, si propone come obiettivo finale la creazione di una mappa turistica partecipata del paese e del territorio in un arco temporale che va da gennaio a maggio.

Novità della seconda edizione, Mapp.arte vedrà coinvolto l’Istituto Tecnico Commerciale “Antonio Maxia” di Aritzo, in particolare la classe quarta che verrà inserita nel programma di alternanza scuola-lavoro, affinché i ragazzi possano avvicinarsi a nuove professioni e metodi di lavoro.

Il progetto Mapp.arte nasce da un’idea di Katerina Nastopoulou, esperta di teatro sociale, e Fabrizio Felici, architetto ed esperto di comunicazione visiva. Una idea felice che coinvolge in maniera diretta i bambini e i ragazzi dai 10 ai 18 anni. In maniera indiretta rende protagonista tutta la popolazione del territorio di Aritzo.

Una spinta verso una nuova interpretazione della propria identità e verso un orientamento professionale futuro più consapevole e in linea con i bisogni concreti del territorio.

Obiettivi principali del progetto sono la valorizzazione del proprio contesto in una logica di re-invezione creativa delle proprie matrici culturali, la sensibilizzazione dei giovani ad un ruolo attivo e consapevole nella società in cui vivono e il loro avvicinamento alla pubblica amministrazione quale interlocutore fondamentale per la realizzazione delle proprie idee. Il progetto è stato sperimentato nel comune di Belvì da febbraio a giugno 2016 con il coinvolgimento di 30 ragazzi e oltre il quaranta per cento della popolazione.

L’associazione di promozione sociale Abbicultura è formata da giovani professionisti di vari settori che hanno scelto di riabitare piccoli paesi dopo aver vissuto in grandi città italiane ed estere.

Oltre a Mapp.arte, l’associazione ha attivato, tra Belvì, Aritzo e Desulo, progetti di ricerca sull’architettura e sul rilancio dell’artigianato locale, laboratori teatrali, linguistici e di comunicazione e sono in fase di elaborazione nuovi ambiziosi progetti culturali. Un percorso culturale di cittadinanza attiva che piace e coinvolge insomma. (g.m.)

In Primo Piano
Tragedia in mare

Castelsardo, turista tedesco muore annegato a Lu Bagnu

di Mauro Tedde
Le nostre iniziative