Vendemmia scarsa ma di grande qualità per la Cantina sociale

Tortolì, Antonio Lara confermato presidente dei 130 soci Il gruppo dirigente punta sul rilancio della cooperativa 

TORTOLÌ. «Sotto l’aspetto qualitativo si tratta di uve di alto livello, anche se si perderà qualcosa nella quantità». Il confermato presidente della Cantina sociale Ogliastra (sede a Tortoli), Antonio Lara, parla con soddisfazione della vendemmia. «La Cantina – prosegue – resta aperta fino a lunedì 18. I soci possono conferire l’uva dalle ore 8 alle 13 e dalle 14 alle 18.30». I soci della Cantina sono circa 130, e oltre che di Tortolì, Lotzorai, Baunei e altri centri del nord Ogliastra, sono di Tertenia, Pelau-Buoncammino, Cardedu, Barisardo e altri. A metà agosto, l’assemblea dei soci ha deliberato l’approvazione del bilancio d’esercizio 2016 e la conferma per il triennio 2017-2019 dei membri uscenti del cda, che risulta composto da Gian Franco Agus, Antonio Deiana , Sergio Deidda, Giovanni Doneddu, Emanuele Garau, Antonio Lara e Nadia Schiappucci. Sono state rinnovate le nomine di Antonio Lara alla presidenza, e di Emanuele Garau alla vice presidenza. Il collegio sindacale è stato riconfermato con la nomina di Mario Usai, Stefania Falchi e Mariangela Pistis. Enrico Maria Garau e Giuseppe Murru sono stati indicati sindaci supplenti. «Le risultanze dei lavori assembleari – è stato detto – sono da intendersi in linea con la volontà dei soci di rinnovare la fiducia al gruppo dirigente che ha guidato la Cantina nel corso dell’ultimo anno sociale, nel corso del quale sono state poste le basi per il rilancio della cooperativa». Il presidente, nell’esprimere gratitudine per la fiducia concessa dai soci e dai suoi colleghi amministratori, assicura «di essere intenzionato a svolgere il proprio mandato con impegno, senso di responsabilità ed entusiasmo, al fine di consentire ai soci un ritorno dalle proprie fatiche attraverso il coinvolgimento del personale dipendente, dirigente e dei consulenti».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes