Piano di protezione civile, via libera del consiglio

Bolotana, approvato definitivamente il documento sulle situazioni di emergenza La sindaca Motzo: «Uno strumento che permette di coordinare gli interventi» 

BOLOTANA. Il consiglio comunale di Bolotana, nella seduta che si è tenuta a fine anno, ha approvato definitivamente il piano per la protezione civile. Dopo diversi anni di attesa, il Comune si è finalmente dotato di un importante strumento non solo previsto dalla legge, ma necessario per affrontare situazioni di emergenza attraverso la realizzazione di un sistema coordinato di azioni e di organismi in grado di cooperare con gli enti sovracomunali, coinvolgendo anche le associazioni del settore che operano nel territorio. «L’adozione del piano di protezione civile – ha detto la sindaca, Annalisa Motzo – si è resa necessaria al fine avere uno strumento organico e di immediata consultazione, che permetta di gestire in modo coordinato eventuali emergenze e criticità che possono accadere nel territorio». L’importante strumento di prevenzione delle calamità naturali e di tutela della popolazione nel caso di eventi calamitosi, che è già stato presentato ai cittadini lo scorso mese di luglio, è ora pienamente operativo a tutti gli effetti. «L’importante strumento – si legge nella delibera del consiglio comunale – è finalizzato a fronteggiare, per quanto possibile, i rischi reali a cui la comunità e il territorio sono soggetti, attrezzandoli di uno strumento aggiornato di pianificazione dell’emergenza». L’efficacia del piano dipende da un complesso sistema interdisciplinare che coinvolge enti, istituzioni, organi di vigilanza e di protezione ambientale, barracelli, associazioni di volontariato e forze dell’ordine, che cooperano, ciascuno nel campo di propria competenza, nelle azioni di soccorso della popolazione. Il tutto sotto la guida del sindaco e del Coc, il centro operativo comunale, che a Bolotana è già stato costituito e attivato nel corso della prima ondata di emergenza del coronavirus. Nel paese del Marghine è stata anche costituita di recente l’associazione di volontariato “Protezione civile Bolotana” che ha avuto un ruolo preciso nel corso della fase acuta della pandemia. Il piano approvato dal consiglio comunale, sarà ora trasmesso a tutte le autorità ed enti interessati e fatto conoscere a scuole e associazioni pubbliche e di volontariato che interagiscono nelle operazioni di soccorso dei cittadini e di tutela del territorio in caso di eventi calamitosi. Tra le autorità interessate figurano la prefettura, la Provincia, la Regione, il comando provinciale dei vigili del fuoco, la Assl, la questura e il comando provinciale dei carabinieri. I casi che sono previsti dal piano di protezione civile, approvato ora in via definitiva, riguardano soprattutto gli incendi, la neve e i rischi idrogeologici.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes