La Nuova Sardegna

Nuoro

Bosa. Oltre un mese di attesa per l’esito dell’esame del sangue

Bosa. Oltre un mese di attesa per l’esito dell’esame del sangue

BOSA. Un cittadino della Planargia attende ancora, a oltre 15 giorni dalla data indicata per il rilascio, l’esito di un esame del sangue analizzato dal laboratorio dell’ospedale San Martino di...

04 maggio 2021
2 MINUTI DI LETTURA





BOSA. Un cittadino della Planargia attende ancora, a oltre 15 giorni dalla data indicata per il rilascio, l’esito di un esame del sangue analizzato dal laboratorio dell’ospedale San Martino di Oristano. Nell’ospedale Mastino di Bosa la Tac è nuovamente funzionante da qualche giorno, dopo settimane di stop per un guasto: ma gli esami per gli esterni alla struttura, dove il reparto di medicina sarebbe di fatto Covid-19 e pertanto questi pazienti hanno la precedenza, risentono della situazione e dei disagi. «Non esiste solo il Covid-19», rimarca una paziente. Effettuato il prelievo di sangue il 26 marzo, l’esito dell’esame, «i valori della vitamina D3 per l’esattezza», era stato indicato a partire dal 15 di aprile. Data indicativa sicuramente, ma «siamo ai primi di maggio e ancora niente. Sono trascorsi quasi venti giorni e i risultati sono indispensabili per calibrare una terapia che sto seguendo, non posso aspettare ancora».

Altra segnalazione quella sulla Tac dell’ospedale di Bosa, dove non mancherebbero disagi per gli esterni alla struttura nel prenotare l’esame diagnostico, in una struttura dove di fatto nel reparto di medicina sarebbero ricoverati quindici pazienti Covid. Situazioni a conoscenza del responsabile provinciale di Oristano del sindacato Cimo, Giampiero Sulis. «Per quanto riguarda il laboratorio analisi dell’ospedale San Martino di Oristano, le carenze purtroppo sono conosciute e sono state segnalate da tempo ad Ats e Assl. Per alcuni esami infatti si rimanda, fino al raggiungimento della soglia di lavorazione: cioè gli esami non vengono eseguiti fino al raggiungimento di un certo numero considerato che vanno utilizzati alcuni reagenti», spiega con piglio critico Sulis.

Sulla Tac dell’ospedale di Bosa «sappiamo che è stata aggiustata e da qualche giorno è nuovamente operativa, ma per gli esami hanno priorità i pazienti Covid-19 ricoverati in medicina. Per cui, in questo caso, vengono cancellate eventuali prenotazioni di esterni». (al.fa.)



Medioriente

Media arabi: «L’Iran attacca Israele con decine di droni»

Le nostre iniziative