Ilbono si ferma per l’addio alla giovane Giorgia Ibba

Negozi chiusi e bandiera a mezz’asta in Comune per le esequie della ragazza Tra la musica dei Guns N’ Roses e i messaggi social: «Eri solare e generosa»

ILBONO. Il doloroso commiato a Giorgia Ibba, scomparsa in un tragico incidente stradale alle porte di Lanusei, inizia alla 16 in punto quando le serrande di ogni negozio, bottega, bar e attività commerciale di Ilbono si abbassano. Rimarranno abbassate sino alla fine della cerimonia religiosa che inizia di lì a poco nella chiesa di San Giovanni Battista. In questa maniera, il dolore privato di una famiglia travolta dalla tragedia di una morte prematura e inaspettata che si è consumata nella circonvallazione della cittadina domenica all'alba, si fa corale. Diventa il lutto di un’intera comunità.

Con la proclamazione del lutto cittadino, la bandiera tricolore che sventola a mezz’asta nel palazzo municipale e il provvedimento del sindaco, Giampietro Murru, che ordina la serrata delle attività commerciali, l’amministrazione comunale del paese, dove la giovane donna ha vissuto gran parte dei suoi 27 anni, ha voluto onorare la sua memoria.

E non è l’unica: in chiesa ci sono tantissime persone, ci sono gli amministratori dei comuni vicini a testimoniare la vicinanza non solo alla famiglia Ibba ma all’intera comunità. Nel rito funebre, officiato dal parroco don Luigi Murgia, il padre Paolo, la madre Palmira e la sorella Lucrezia salutano la loro Giorgia. Gli interrogativi senza risposta sulla morta della giovane riecheggiano nella struggente poesia di Mirella Manca, versi letti dalla zia Miranda. Sempre lei, la ricorda come una ragazza altruista e disponibile verso tutti. «Era sempre pronta ad aiutare il prossimo, per questo sognava di fare il medico» dice. Il rito funebre si conclude, il feretro viene portato nel sagrato della chiesa. Poi le note di “Sweet child o’ mine” dei Guns N' Roses, il suo gruppo preferito, squarciano il silenzio irreale: è l’ultimo commovente tributo voluto dai tanti cugini di Giorgia.

Anche sui social network fioccano i messaggi di cordoglio per la sua scomparsa. Tra i tanti c’è lo struggente messaggio che una società pallavolistica lascia sulla sua pagina Facebok accanto ad una foto che ritrae Giorgia, che per tanti anni ha calcato i campi di pallavolo, intenta a regalare uno dei suoi indimenticabili sorrisi. «Nella giornata in cui la pallavolo italiana festeggia il titolo europeo maschile, la pallavolo ogliastrina perde una delle proprie figlie. In un incidente stradale – scrivono i dirigenti de Le torri volley - ha perso la vita Giorgia Ibba, di Ilbono, atleta e ragazza benvoluta da tutti. Solare, genuina e appassionata del nostro sport, la piangiamo e la ricorderemo sempre con affetto. Ciao Giorgia».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

WsStaticBoxes WsStaticBoxes