La stazione marittima sotto protezione

Arbatax. L’ingresso all’edificio mai utilizzato è ora precluso da una rete metallica

ARBATAX. Da qualche giorno, la stazione marittima situata all’entrata del molo di levante, nei vari ingressi e in gran parte del perimetro è stata isolata con rete metallica elettrosaldata. Questo per evitare, dopo tanti anni di abbandono e di incuria, che i ladri e i vandali potessero continuare con l’opera di cannibalizzazione interna, da dove hanno asportato anche tubi, sanitari e lavabi, oltre a spaccare porte, vetri, ringhiere, scrostare e imbrattare muri e tanto altro ancora.

A intervenire, l’Autorità di sistema portuale (Adsp) del mare di Sardegna, cui fa capo, dall’autunno dello scorso anno, anche il porto di Arbatax. Il sindaco Massimo Cannas, ricorda che era stata fatta la ricognizione dei beni da consegnare. E i competenti uffici comunali avrebbero passato il bene – la stazione marittima, che venne terminata intorno al 2012, ma non è mai stata inaugurata e aperta – all’Adsp del mare di Sardegna Autorità da pochi giorni. «Gia da prima – ha ricordato il primo cittadino di Tortolì-Arbatax – eravamo intervenuti come Comune perché era necessario chiudere e mettere in sicurezza il cantiere». L’ente locale stava anche spostando, sempre all’Adsp, il finanziamento di 400mila euro di cui è beneficiario dalla Regione per gli interventi di messa in sicurezza, completamento e adeguamento della stazione marittima, e la progettazione.

I 400mila euro sono destinati agli interventi necessari per permettere l’apertura della stazione secondo il suo progetto iniziale, ovvero legato all’accoglienza turistica, con locali igienici adeguati, deposito bagagli, attività commerciali (un bar-ristorante, un negozio di artigianato) biglietteria, area per le forze dell’ordine e l’Ufficio circondariale marittimo di Arbatax-Guardia costiera.

L’Autorità di sistema portuale del mare di Sardegna a inizio novembre dello scorso anno, nella programmazione pluriennale di investimenti infrastrutturali per gli scali sardi che fanno capo alla stessa, ha destinato 30 milioni di euro per il porto di Arbatax. Dei 30 milioni destinati dall’Adsp allo scalo marittimo ogliastrino, 20 milioni serviranno per la sistemazione e il potenziamento della banchina traghetti di levante (che servirà anche per le navi da crociera); 2 milioni al completamento dell'illuminazione, e 8 proprio per la stazione marittima all’entrata del molo di levante. (l.cu.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes