La Nuova Sardegna

Nuoro

Sociale

A Nuoro medici volontari in prima linea al servizio dei più bisognosi

di Alessandro Mele
A Nuoro medici volontari in prima linea al servizio dei più bisognosi

In crescita l’ambulatorio della Caritas del Sacro Cuore

12 agosto 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Nuoro Oltre 10 volontari per un’utenza che supera le 220 persone. Sono i numeri della bella realtà di volontariato dell’ambulatorio medico e infermieristico realizzato dalla Caritas parrocchiale del Sacro Cuore, una delle chiese del centro cittadino. Una realtà che nasce nel 2018 e che ha iniziato a operare con solo due specialisti, ma che ora punta ad ampliarsi e crescere e i numeri lo dimostrano. I volontari, sono medici specialisti ed infermieri in pensione, che offrono il loro tempo e le loro conoscenze, a chi in città e non solo, vive condizioni di indigenza, a chi non può permettersi una visita specialistica a pagamento oppure non ha i soldi per il ticket ospedaliero. «Parliamo di una realtà che va incontro a tanti tipi di povertà – racconta il parroco del Sacro Cuore, don Mario Mula – e che va avanti ambendo a migliorarsi sempre sia dal punto di vista degli spazi che del servizio. Sarebbe bello accordarsi con altre realtà parrocchiali della città e della diocesi per organizzare un lavoro comune più presente in tutti i territori». L’ambulatorio adesso è chiuso per la pausa estiva, ma riprenderà l’attività nella prima metà del mese di settembre.

È aperto, su prenotazione, il mercoledì e il giovedì dalle 9.30 alle 11.30. Gli specialisti in pensione che stanno dedicando il loro tempo ai più deboli sono la pneumologa Maria Grazia Mele, la nefrologa Franca Boier, il cardiologo Ignazio Maoddi, l’otorino Giuseppe Ticca, la fisiatra Giovanna Chessa, la fisioterapista Franca Maria Concu e le infermiere Francesca Sanna e Pandora Piras. Lo slogan “l’esperienza al servizio della comunità”, accompagna le attività dell’ambulatorio della Caritas parrocchiale del Sacro Cuore ed effettivamente è davvero così: «Infatti l’ambulatorio non lavora solo nei giorni prefissati o negli orari imposti – spiega la volontaria Francesca Sanna –, ma è a disposizione spesso per le esigenze delle persone o delle famiglie in difficoltà. Qualche specialista offre le sue prestazioni in maniera continuativa e questa continua a essere una risposta concreta a un periodo di grande crisi sanitaria, nel quale gli utenti non trovano spazio non solo nelle strutture pubbliche, ma neanche a pagamento». Certamente la realtà gratuita del Sacro Cuore, rappresenta anche un bel segnale per la società civile: «È l’occasione per dare una importante mano di aiuto – prosegue Francesca Sanna – a chi ha davvero bisogno di risposte sul proprio stato di salute».

E conclude parlando delle necessità future: «Invitiamo altri specialisti ad avvicinarsi a questa bella realtà, siamo in fase di ampliamento e le urgenze del momento sono quelle di portare in organico un diabetologo e un dietologo». La parrocchia cittadina del Sacro Cuore, ospita una realtà sociale che sul territorio funziona ed è apprezzata da chi la frequenta. Certamente il presidio, che per ora si contestualizza in una stanza adibita ad ambulatorio allestito per avere ogni tipo di servizio utile, con alcuni farmaci che vengono anche donati dai medici, nei prossimi tempi avrà necessità di essere ampliato anche strutturalmente, vista la quantità di telefonate e prenotazioni in arrivo. Intanto, gode anche delle offerte di qualche benefattore, tutto utile alla crescita di un luogo del bene, per il bene. Per le prenotazioni, è possibile telefonare al numero indicato: 3802386484.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

In Primo Piano
Lo choc

Sassari, maxi bolletta da mezzo milione: Abbanoa pignora i conti correnti

di Davide Pinna

Video

Pale eoliche in partenza da Oristano per Villacidro: manifestanti cercano di fermare il trasporto

Le nostre iniziative