La Nuova Sardegna

Olbia

consiglio comunale

Bilancio, c’è il via libera Critiche dalle minoranze

di Tonio Biosa
Bilancio, c’è il via libera Critiche dalle minoranze

TEMPIO. Il consiglio comunale ha approvato, ieri sera, il consuntivo del bilancio del 2013. Il sì è venuto dai gruppi di maggioranza, compreso quello del ribelle Angelo Cossu, mentre quelli di...

28 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





TEMPIO. Il consiglio comunale ha approvato, ieri sera, il consuntivo del bilancio del 2013. Il sì è venuto dai gruppi di maggioranza, compreso quello del ribelle Angelo Cossu, mentre quelli di minoranza hanno espresso un secco no, motivato non tanto dalla contestazione di dati e numeri quanto dall'asserita assenza di progettualità dell'amministrazione. Il tutto in una profusione di critiche e relative respinte.

Ad aprire la seduta è stata la relazione dell'assessore alle Finanze Mario Addis: una precisa esposizione di cifre relative a spese correnti ed investimenti corredata però da spiegazioni e profonde motivazioni. «Oggi poniamo all'attenzione del consiglio e della città i risultati del lavoro che abbiamo svolto nel 2013 - ha esordito -. Lo facciamo con lo sguardo ed il pensiero rivolti al prossimo domani consapevoli che, nonostante i risultati positivi raggiunti, ci attendono sfide che, per esser superate, richiedono coraggio, passione e impegno. Abbiamo chiare le difficoltà che ancora ci aspettano perché, nonostante gli straordinari miglioramenti, alcuni indici continuano a classificarci come comune “strutturalmente deficitario". Ma il peggio per Tempio è passato. La situazione economica e finanziaria del Comune è miogliorata e stiamo operando perché possa ancora migliorare. Sperando fra l'altro nella mutata situazione politica sia in campo regionale che nazionale dopo eser stati in questi ultimi anni fortemente penalizzati, specie dalla Regione. Non riusciamo ancora a comprendere - ha sottolineato l'assessore toccando un tasto localmente molto sensibile - con quale logica il nostro carnevale debba avere finanziamenti molto più modesti di tante piccole e piccolissime iniziative sparse per l'isola. Questa amministrazione ha cominciato il proprio cammino nella primavera 2010, ponendo fra gli obietivi primari il risanamento di una finanza comunale devastata. Ora presentiamo al consiglio conti pubblici ordinati ed in sicurezza senza aver aumentato le tasse ai cittadini. Anzi in diversi casi le abbiamo ridotte».

Il confronto con l'amministrazione precedente ha scatenato la reazione dell'opposizione, specie dell'ex assessore Francesco Quargnenti, e le critiche di assenza di progettualità e di ritardi nella conclusione di opere pubbliche da parte dei consiglieri Anna Paola Aisoni, Tato Usai e Giuseppe Pirinu.

In Primo Piano
La polemica

Pro vita e aborto, nell’isola è allarme per le nuove norme

di Andrea Sin
Le nostre iniziative