La Nuova Sardegna

Olbia

“Domos Abbeltas”, Luras apre le case con tante novità

“Domos Abbeltas”, Luras apre le case con tante novità

LURAS. Sarà un'edizione scoppiettante e ricca di novità, quella di "Domos Abbeltas - s'alte lurisinca", prevista, a Luras, per il 7 e 8 giugno. Sono tante le novità che illustra l'assessore comunale...

31 maggio 2014
2 MINUTI DI LETTURA





LURAS. Sarà un'edizione scoppiettante e ricca di novità, quella di "Domos Abbeltas - s'alte lurisinca", prevista, a Luras, per il 7 e 8 giugno. Sono tante le novità che illustra l'assessore comunale al turismo, Giovanni Usai.

«Abbiamo una trentina di domos in più rispetto a quelle dello scorso anno, nell'edizione numero uno - dice -; sono 85 le domos che si apriranno ai visitatori che vorranno venire a Luras nel fine settimana tra il 7 e l'8 giugno». Tra vecchie conferme, anche tante novità, tutte di matrice sarda. Ritornerà il museo "Galluras" con la sua femina agabbadòra, su fundheddhaiu Lorenzo Zaccagni, la zuppa gallurese di Gian Piera Spanu, i coltelli di Dino Sanna, l'arte della ceramica di Arianna Leoni. Tra le new entry ci saranno: Simonetta e Giovanna Maria Sassu che prepareranno "Sa coddula de belda" (focaccia dolce con i ciccioli di maiale), la cantina "Muscatzega" di Laura Carmina, la casa della solidarietà dell'Avis di Luras, la domos della caccia e quella dei pescatori. In poche parole: torna la manifeastione che vuole essere "le cortes apertas" della Gallura. La prima edizione, quella dello scorso anno, ha fatto registrare numeri da record: migliaia e migliaia di persone sono passate per Luras, visitando le "domos". Quest'anno saranno di più. L'organizzazione si è evoluta. Torneranno i ragazzi dell'info point. Ogni "domos" avrà, per la prima volta, una targa standard dove c'è scritto il nome della "domos" in sette lingue. La prima è il sardo, seguita dall'italiano, inglese, francese, tedesco, spagnolo e russo. «La scorsa edizione ha portato tantissimi turisti stranieri e Luras - commenta l'assessesore Usai - la comunicazione è fondamentale. Anche tra i nostri ragazzi c'è chi parla le lingue. Dai dati raccolti dalle schede di accoglienza del 2014, infatti, il 20 per cento dei visitatori della manifestazione erano stranieri (inglesi, francesi, tedeschi, olandesi, irlandesi. I grandi ospiti esterni saranno i Mammuthones. La loro esibizione è prevista per domenica 8. Sarà ancora, cultura, enogastronomia e tanta tradizione». (s.d.)

In Primo Piano
Macomer

Accoltellò un ragazzo per una sigaretta. Pace tra i genitori: «Lo perdoniamo»

di Alessandro Mele
Le nostre iniziative