Clooney e Sordi James Bond e Bova: Gallura set da sempre

SANTA TERESA. La Sardegna piace al mondo del cinema. La Disney è l’ultima arrivata. L’isola è stata teatro di posa per molte pellicole nazionali e internazionali che hanno contribuito a far conoscere...

SANTA TERESA. La Sardegna piace al mondo del cinema. La Disney è l’ultima arrivata. L’isola è stata teatro di posa per molte pellicole nazionali e internazionali che hanno contribuito a far conoscere in tutto il mondo coste ed entroterra. Tre anni fa la Paramount e George Clooney sistemano la base aerea militare nei pressi di Olbia, da cui decollavano e atterravano aerei militari della seconda guerra mondiale nelle serie tv Catch-22. Prima, nel 1965, sul Monte Corrasi a Oliena, viene realizzato il sacrificio del giovane Isacco. Questo perché il produttore Dino De Laurentis e il regista John Huston scelsero i monti della Barbagia per ambientare una delle scene topiche del colossal “La Bibbia”. Più o meno negli stessi anni i mari sardi vengono solcati da galeoni francesi e inseguimenti tra corsari, tutti alla ricerca de “L’indomabile Angelica”, interpretata da Michèle Mercier. Nel 1975 la Costa Smeralda fa da cornice a uno degli inseguimenti più famosi della storia del cinema: l’agente 007 James Bond (Roger Moore) salva la spia russa Anya Amasova (Barbara Bach) sfrecciando con una Lotus Esprit per le strade tortuose di Porto Cervo e dintorni fino a tuffarsi in mare dal pontile dell’hotel Pitrizza per poi riemergere nella spiaggia di Capriccioli. Nel 1968, due noti alberghi di Baja Sardinia si dichiarano guerra per accaparrarsi gli allora non troppo numerosi turisti. Ecco sbarcare Little Tony che interpreta il cantante Tony Martin nel film “Vacanze sulla Costa Smeralda”. Una curiosità: nel film furono ingaggiate diverse comparse locali, fra cui Ignazio Ragnedda, papà dell’attuale sindaco di Arzachena. Le signore non potranno poi dimenticare la visione in slow-motion di un gladiatorio Raul Bova che esce dalle acque della spiaggia del Pevero in “Piccolo grande amore”. Un amore travagliato è anche quello che nasce sul golfo di Orosei, dove Giancarlo Giannini e Mariangela Melato sono “Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare d’agosto”, film del 1974 di Lina Wertmuller. Travagliata, nel film “Le coppie” di Mario Monicelli (1970) anche la vacanza di Alberto Sordi, alias Giacinto Colonna, operaio nelle acciaierie, che vuole festeggiare l'anniversario di nozze con sua Erminia in un lussuoso hotel in Costa Smeralda ma scopre di essere fuori posto.(gl.f)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes