Un fiume d’acqua allaga l’ingresso della scuola

C'è un piccolo grande paradosso che si aggira fuori dalla scuola di Isticadeddu. Per ragioni di sicurezza, per rispettare distanziamenti e scaglionare le uscite, da inizio anno parte delle classi...

C'è un piccolo grande paradosso che si aggira fuori dalla scuola di Isticadeddu. Per ragioni di sicurezza, per rispettare distanziamenti e scaglionare le uscite, da inizio anno parte delle classi entra ed esce da una porta secondaria. Il punto è che arrivarci a quella porta è un'impresa. A causa di una perdita d'acqua continua, il cortile della parte retrostante risulta sempre allagato. Qualcosa più di una pozzanghera, acqua e fanghiglia che complicano l'entrata e l'uscita da scuola: il disagio è stato lamentato da una mamma di due alunne dell'istituto alla fine di via Vittorio Veneto, esasperata da un problema in apparenza piccolo ma diventato quotidiano. «L'ingresso bagnato persiste a fasi alterne da settembre», racconta il genitore. Il problema è stato individuato in una perdita d'acqua da tubi al di sotto del marciapiede. A seguito di una riparazione, il disagio è svanito per alcune settimane salvo poi ripresentarsi. Con le belle giornate di sole l'acqua si asciuga, ma rimane il fango a creare un ostacolo all'ingresso di studenti e genitori, che ora chiedono si risolva una volta per tutte la situazione. (p.a.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes