La Nuova Sardegna

Olbia

La tragedia

Giuseppe Scampuddu è morto in ospedale, l’ex carabiniere era caduto in moto sulla Sassari-Olbia

Giuseppe Scampuddu è morto in ospedale, l’ex carabiniere era caduto in moto sulla Sassari-Olbia

Il grave incidente era avvenuto venerdì a breve distanza dal bivio per Arzachena e Golfo Aranci

15 ottobre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Olbia Il grave incidente avvenuto venerdì mattina sulla Olbia-Sassari, alle porte di Olbia, si è trasformato in tragedia. Giuseppe Scampuddu non ce l’ha fatta: è morto nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Olbia dove era stato subito ricoverato in codice rosso. L’ex brigadiere dei carabinieri, che aveva 71 anni ed era assai conosciuto in città, è spirato ieri mattina senza riprendere conoscenza.

A ricostruire la dinamica del tragico incidente sarà la polizia municipale di Olbia, guidata dal comandante Giovanni Mannoni. Giuseppe Scampuddu viaggiava a bordo della sua moto in direzione della città, sulla quattro corsie Olbia-Sassari. A poche decine di metri dal bivio per Arzachena e Golfo Aranci, in pieno rettilineo, l’urto apparentemente inspiegabile con il furgone commerciale che lo precedeva nella stessa direzione di marcia. Non si sa se ci sia stata una distrazione o un malore. L’uomo è stato proiettato in avanti ed è caduto pesantemente sull’asfalto. Sia l’autista del furgone che gli altri automobilisti che seguivano a breve distanza hanno immediatamente lanciato l’allarme al 118 e alle forze dell’ordine.

L’ex carabiniere è stato trasportato all’ospedale Giovanni Paolo II dove, vista la gravità delle sue condizioni a causa dei traumi subiti nell’urto con l’asfalto, è stato ricoverato in rianimazione. Sul posto dell’incidente sono intervenuti anche i vigili del fuoco di Olbia. Ma l’impegno dei medici non è bastato: l’ex brigadiere dell’Arma è spirato nella notte. Il funerale si terrà domani alle 11 nella chiesa di San Michele Arcangelo.

In Primo Piano
Le candidature alla presidenza della Regione

Elezioni, centrodestra verso Truzzu. Salvini dice sì, ma poi frena

Umberto Aime
Le nostre iniziative