La Nuova Sardegna

Olbia

La protesta

Emergenza salute, a Olbia anche cittadini all’affollato sit in degli operatori sanitari


	La manifestazione a Olbia <em>(foto Vanna Sanna)</em>
La manifestazione a Olbia (foto Vanna Sanna)

«Li chiamavano supereroi, ma ora sono schiavi» è uno degli slogan della giornata

19 febbraio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Olbia «Li chiamavano supereroi, ma ora sono schiavi». Questa è solo una delle frasi apparse sugli striscioni sventolati oggi, 19 febbraio, davanti all’ospedale Giovanni Paolo II di Olbia: un sit-in affollatissimo, forse lo sciopero più partecipato in assoluto degli ultimi tempi. Oltre a medici, infermieri, oss, amministrativi e tecnici, si sono uniti alla protesta anche molti cittadini.

Lo sciopero è stato proclamato da Funzione pubblica Cgil, Funzione pubblica Uil, Rsu e sindacato degli infermieri, tutti in campo «contro una sanità malata» e per protestare contro una lunga serie di emergenze. «Oltre alla gravissima carenza di personale, ci sono interi reparti sguarniti che non possono garantire assistenza di qualità» spiegano i sindacati. Che non dimenticano anche le emergenze del territorio, prima tra tutte la mancanza di medici di medicina generale con migliaia di famiglie senza assistenza di base. (s.p.)

In Primo Piano
Verso il voto

Gianfranco Ganau: sosterrò la candidatura di Giuseppe Mascia a sindaco di Sassari

Le nostre iniziative