La Nuova Sardegna

Olbia

L’operazione

Calangianus, pneumatici nel bosco di sugherete: sequestrata la discarica abusiva

di Tiziana Simula
Calangianus, pneumatici nel bosco di sugherete: sequestrata la discarica abusiva

Il nuovo intervento dei carabinieri del Noe in località Fraicata

16 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Calangianus. Gli automobilisti si affacciavano da uno slargo, sulla strada provinciale 127, in località Fraicata, e da lì lanciavano verso la scarpata i rifiuti: non solo sacchi carichi di immondizia, ma anche pneumatici di macchine e di camion, batterie, fusti imbevuti di olio, plastica e vetro. La mega discarica abusiva è sorta nel bel mezzo di un bosco di sugherete. Tra alberi e vegetazione, spiccavano soprattutto cumuli di gomme d’auto e di mezzi pesanti, disseminati nei 6mila metri quadri di terreno. Rifiuti che, tra l’altro, rappresentavano un pericolo in caso di incendi, in vista dell’imminente stagione estiva.

L’area, di proprietà di un privato, è stata messa sotto sequestro preventivo da parte dei carabinieri del Noe che stanno eseguendo sequestri a tappeto nel territorio gallurese. Gli specialisti del Nucleo operativo ecologico, impegnati in una vasta campagna di monitoraggio mirato alla lotta alle discariche abusive e alla tutela dell’ambiente, hanno eseguito finora sei sequestri preventivi tra Golfo Aranci, Sant’Antonio di Gallura e Calangianus (con l’obbligo per i proprietari delle aree o dei rispettivi Comuni di provvedere alla bonifica e al ripristino dei luoghi). Anche la discarica abusiva nel comune di Calangianus è stata intercettata, così come negli altri sequestri eseguiti nelle ultime settimane, grazie a un servizio degli uomini del Nucleo elicotteri di Vena Fiorita che, sorvolando con gli elicotteri la zona, hanno visto e segnalato al Noe la presenza in località Fraicata, al chilometro 26 della provinciale 127, i cumuli di rifiuti abbandonati.

All’intervento hanno collaborato col Noe anche i carabinieri della stazione di Calangianus. Individuata l’area, i carabinieri del Noe hanno fatto un sopralluogo nel bosco di sugherete e hanno messo sotto sequestro preventivo il terreno su cui sorgeva la mega discarica abusiva L’area è stata affidata in custodia giudiziaria al responsabile del settore tecnico del Comune di Calangianus che provvederà alla messa in sicurezza e al ripristino dello stato dei luoghi, liberandola dai rifiuti con l’intervento di ditte specializzate. Il Noe proseguirà col monitoraggio della Gallura a caccia di altre discariche abusive.

In Primo Piano
Emergenza

Siccità, nuove restrizioni. Ambrogio Guiso: «Un massacro per le campagne»

di Salvatore Santoni
Le nostre iniziative