oristano
cronaca

Botte alla badante romena, patteggia sei mesi e 20 giorni

TINNURA. La versione fornita al giudice per scagionare se stesso non avrà bisogno di ulteriori approfondimenti. Antonio Ruggiu, 64 anni, accusato di aver pestato una sua conoscente di origini romene,...


10 giugno 2015


TINNURA. La versione fornita al giudice per scagionare se stesso non avrà bisogno di ulteriori approfondimenti. Antonio Ruggiu, 64 anni, accusato di aver pestato una sua conoscente di origini romene, ha infatti scelto di saldare i conti con la giustizia patteggiando una pena di sei mesi e venti giorni, dopo essere stato arrestato nei giorni scorsi dai carabinieri. Era accusato di aver colpito la donna di 52 anni con un bastone di legno, spedendola all’ospedale con diverse fratture al viso.

Finito di fronte al giudice Francesco Mameli per essere processato per direttissima, aveva inizialmente fornito una versione dei fatti che non collimava con quella del pubblico ministero Andrea Chelo. Antonio Ruggiu aveva detto di aver dato ospitalità alla donna la quale poi aveva invitato nella casa del primo due suoi amici. Proprio questi sarebbero stati, secondo la versione dell’imputato, gli autori del pestaggio ai danni della donna che però aveva da subito indicato Antonio Ruggiu come il responsabile. Alla fine, assistito dall’avvocato Antonello Spada, ha scelto di patteggiare. (e.c.)

Sae Sardegna SpA – sede legale Zona industriale Predda Niedda strada 31 , 07100 Sassari, - Capitale sociale Euro 6.000.000 – R.E.A. SS – 213461 – Registro Imprese di Sassari 02328540683 – CF e Partita IVA 02328540683


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.