Spopolamento scolastico, un patto per combatterlo

Lo firmano i sindacati con l’imprenditoria, categorie professionali e cooperative Spaventosi i dati dell’abbandono: a Villaverde e Asuni si supera l’80 per cento

ORISTANO. Sindacati confederali e mondo dell’imprenditoria si alleano per sconfiggere il fenomeno dell’abbandono scolastico. Un accordo di collaborazione con l’obbiettivo di avvicinare il mondo della scuola dell’Oristanese alle reali esigenze e aspettative del territorio è stato firmato tra i sindacati Cgil, Cisl e Uil, Confindustria, i giovani della Confindustria, Confapi, LegaCoop, Confartigianato, Consulenti del lavoro e Confagricoltura. È un accordo aperto, al quale si potranno aggiungere le altre organizzazioni che volessero farne parte.

«Occorre investire sui giovani, ognuno di essi nessuno escluso, creando le condizioni per un proficuo proseguo nello studio e nella formazione – spiega la nota –. Servono progetti e proposte, da inserire nella programmazione dei fondi europei e nella stesura dei piani operativi alla luce del Piano nazionale di resilienza e resistenza». L’accordo punta a coinvolgere il territorio nelle politiche dell’istruzione «sulla falsariga dei patti territoriali e delle conferenze di servizio ipotizzate dal ministero dell’Istruzione nel periodo precedente alla ripresa dell’attività in presenza nelle scuole. La proposta è quella di istituire conferenze territoriali per l’istruzione, organismi consultivi e propositivi, che collaborino nella programmazione e nella gestione del tema dell'Istruzione sul territorio.

«Pur nel rispetto delle competenze di ciascuno – spiegano i firmatari dell’accordo – l’obiettivo è di offrire alle autonomie scolastiche supporto e collaborazione». Questo tipo di approccio ha già portato alla sperimentazione del progetto Student Town nell’Unione dei Comuni del Terralbese con un protocollo firmato dai sindaci, dalla dirigenza scolastica e dai sindacati. Partendo da questa esperienza, giudicata nel documento «positiva», si vorrebbero organizzare incontri con le Unioni dei Comuni e le conferenze territoriali per l'istruzione. Il piano si estenderà poi a vari settori, iniziando dai trasporti pubblici, per una programmazione aderente alle vere necessità di spostamento degli studenti che spesso devono affrontare viaggi disagevoli per raggiungere le scuole.

L’iniziativa ha come obiettivo il contrasto alla spopolamento. Dal 2012, in provincia, la percentuale della popolazione tra lo zero e i 14 anni è passata da 22.352 studenti del 2012 ovvero il 13,4% dei residenti, agli attuali 15.505, scendendo al 9,9%. I dati più allarmanti riguardano l’abbandono scolastico che in provincia «è maggiore a causa delle distanze dei comuni dalle strutture scolastiche. Si va infatti dall’82,4% di abbandoni nel comune di Villaverde o all’81,3% di Asuni, contro il 12,3% di Abbasanta, il 20% di Ales e il 19,9% di Oristano».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes