Al via il restauro di San Gregorio

Lavori da 150mila euro per mettere a nuovo la chiesa romanica

SOLARUSSA. Partiranno entro la fine del mese i lavori per il restauro della chiesa romanica di San Gregorio. La Regione, tramite la programmazione territoriale, ha stanziato 150mila euro da destinare al progetto denominato Riqualificazione e accessibilità alla chiesa romanica di San Gregorio Magno, che ha ottenuto il via libera della Soprintendenza. Fra gli interventi previsti, che saranno eseguiti dalla ditta Paba di Aritzo, ci sono il consolidamento della chiesa, intitolata a Papa San Gregorio Magno, la messa in sicurezza della vela campanaria, la sistemazione del muro perimetrale, il miglioramento dell’accessibilità all’area e altre piccole operazioni di maquillage, che interessano, principalmente, la manutenzione del tetto e degli infissi.

Al momento non c’è una data certa di fine lavori, ma il sindaco Mario Tendas si sente di fare una promessa ai suoi cittadini: «Su una cosa mi voglio sbilanciare, per la prossima festa di San Gregorio che si celebra il martedì successivo alla seconda domenica di ottobre, e che rappresenta l’appuntamento festivo e religioso più sentito dalla comunità solarussese, la chiesetta dovrebbe presentarsi con una veste certamente più attraente e accattivante, capace di esaltare e valorizzare, pur nella sua semplicità architettonica, l’indiscutibile fascino».

La chiesetta di San Gregorio rientra nel circuito culturale del Parco del romanico della Sardegna e proprio nei giorni scorsi il Comune ha deciso di aderire come socio fondatore alla Fondazione Sardegna isola del romanico. (p.camedda)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes