«Servono mini centri vaccinali distribuiti in tutta la Provincia»

ORISTANO. Domani riparte la campagna di vaccinazione per gli over ottanta e gli ultrasettantenni. I team vaccinali della Assl saranno a Uras (prime dosi) e Samugheo (prosecuzione seconde dosi);...

ORISTANO. Domani riparte la campagna di vaccinazione per gli over ottanta e gli ultrasettantenni. I team vaccinali della Assl saranno a Uras (prime dosi) e Samugheo (prosecuzione seconde dosi); martedì, prime dosi ad Albagiara, mentre a Pau, Assolo, Villaverde, Magomadas, Modolo, Flussio saranno somministrate le seconde; mercoledì prime dosi anche a Ollastra, San Nicolò d'Arcidano e Usellus, mentre a Gonnoscodina, Simala, Siris, Pompu, Baradili, Suni e Tinnura saranno somministrate le seconde. Giovedì seconde dosi a Laconi, Paulilatino e Cuglieri; venerdì, a Oristano si concluderà con le prime dosi per gli ultraottantenni ancora non convocati e prime dosi saranno somministrate anche a Seneghe, mentre si faranno le seconde dosi a Morgongiori, Neoneli, Villaurbana e Cuglieri . Sabato infine, prime dosi a Simaxis. Saliranno così dagli attuali 49 a 69 i Comuni dove gli ultraottantenni hanno ricevuto anche la seconda dose di siero, mentre per le prime dosi, si passerà dagli attuali 72 a 78 Comuni, per una copertura che ha superato l'85 per cento dei paesi della provincia. Sulla possibile attivazione di mini hub comunali, il Commissario straordinario Paolo Cossu spiega che parte di Ats nulla osta ad attivare altri centri di vaccinazione sul territorio, purché siano gestiti dai medici di base. Intanto, il Comitato per il diritto alla salute della provincia di Oristano, critica il sistema adottato dalla Regione sulle prenotazioni: «Quello che sta succedendo è di una gravità inaudita . Nonostante il piano vaccinale nazionale dia la priorità, dopo gli ottantenni, ai fragili, le persone malate non riescono a inserirsi nella piattaforma. Si sta arrivando al punto in cui si procede con la vaccinazione dei settantenni e degli over sessanta " sani", mentre chi è affetto da patologie deve stare in attesa di una dose avanzata».

Nei prossimi giorni i sindaci del Guilcier sottoporranno all'Ats e all'assessorato alla Sanità una soluzione alternativa agli spostamenti degli ultra settantenni del territorio verso l'hub allestito nel mega impianto sportivo di Sa Rodia. Gli amministratori hanno pensato all'attivazione di quattro punti vaccinali distribuiti tra Ghilarza, Abbasanta, Sedilo e Paulilatino e di far convergere nella struttura ghilarzese anche i residenti di Soddì, Boroneddu e Tadasuni, gli anziani di Aidomaggiore nella scuola media di Sedilo e i cittadini di Norbello nello stabile individuato dall'amministrazione di Abbasanta.(mc e mac)

WsStaticBoxes

Necrologie

WsStaticBoxes