Commerciante in manette per spaccio di cocaina

TERRALBA. Con tutta probabilità passerà le feste dietro le sbarre. Dopo un anno di indagini, seguite al suo arresto in flagranza, avvenuto nel dicembre 2020, i carabinieri hanno infatti nuovamente...

TERRALBA. Con tutta probabilità passerà le feste dietro le sbarre. Dopo un anno di indagini, seguite al suo arresto in flagranza, avvenuto nel dicembre 2020, i carabinieri hanno infatti nuovamente bloccato un commerciante indagato per spaccio di sostanze stupefacenti. È successo nella serata di mercoledì 22 dicembre quando i militari della stazione di Terralba sono intervenuti per dare seguito a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dalla giudice per le indagini preliminari del tribunale di Oristano. La misura è scattata dopo un lungo periodo di indagine con la quale l’obiettivo è rimasto puntato a lungo sul commerciante, che oltre a vendere i prodotti della sua attività lavorativa, avrebbe smerciato anche cocaina.

I guai per il 45enne erano iniziati quando fu fermato mentre cedeva la cocaina. Da quel momento l’indagine si estese e i carabinieri, coordinati dalla procura, sono riusciti a costruire il castello di prove che l’ha portato in carcere. Secondo gli uomini dell’Arma, quello per cui fu arrestato in flagranza non era un episodio di spaccio isolato, faceva invece parte di un’attività ben più consolidata che si serviva di uno stratagemma per evitare guai in caso di controlli. L’arrestato non teneva con sé la droga, ma la nascondeva nelle campagne per essere sicuro di non finire in manette. Non appena qualche cliente ne avesse fatto richiesta, andava a prendere la quantità richiesta.

Nel corso delle indagini i carabinieri hanno anche segnalato al prefetto alcuni degli acquirenti quali assuntori di sostanze stupefacenti, sequestrato diverse dosi di cocaina e circa 10mila euro ritenuti il ricavo dell’attività di spaccio.

Enrico Carta

WsStaticBoxes WsStaticBoxes