La Nuova Sardegna

Oristano

Ambiente

Seneghe e Narbolia in marcia per difendere il Montiferru dall’assalto delle rinnovabili

di Piero Marongiu

	Una pala eolica
Una pala eolica

Domenica 5 maggio escursione guidata nei luoghi in cui dovrebbero essere installate le nuove pale eoliche: sono siti archeologici e di alto valore ambientale

02 maggio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Seneghe Il no al consumo sregolato del suolo per il posizionamento di impianti per le energie alternative anima la fine della settimana. Il Comitato per la tutela del Montiferru e l’associazione Tocoele organizzano un’escursione guidata alla scoperta del territorio. L’obiettivo è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica circa il pericolo costituito dagli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili nel territorio. Sono in tanti a volersi spartire i 118 miliardi di euro di finanziamenti europei per il periodo 2021-2027 e la preoccupazione è che alle amministrazioni locali restino solo da smaltire cumuli di macerie. Le popolazioni residenti nelle aree su cui dovrebbero sorgere i parchi eolici, fotovoltaici e offshore, però non ci stanno a subire passivamente decisioni imposte dall’alto e si oppongono a quelli che non esitano a definire veri e propri scempi ambientali.

Lo stop imposto due giorni fa dalla Regione alla costruzione di nuovi impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili, se pregiudicano il paesaggio e il territorio, costituisce un primo importante passo per la salvaguardia dell’ambiente. Ma la diffidenza sulla materia è tanta. Il provvedimento della giunta Todde, che dovrà essere approvato dall’aula, appare la risposta alle oltre ottocento richieste di nuovi impianti inoltrate a Terna da imprese con capitali sociali di poche migliaia di euro: società satelliti di organizzazioni ben più importanti e potenti? Adesso però la palla passa al Governo nazionale, che potrebbe decidere di impugnare il provvedimento davanti alla Corte Costituzionale e vanificarlo.

Sul piatto della bilancia c’è però da mettere anche la volontà di decine di migliaia di cittadini i quali, con le loro amministrazioni, si sono espresse più volte contro le pale eoliche. E chi dovrà decidere dello sviluppo futuro dei loro territori, non potrà non tenerne conto. L’elevato numero delle richieste è indicativo dell’enorme interesse per la Sardegna da parte delle multinazionali. Qualche giorno fa al porto di Oristano-Santa Giusta sono attraccate due navi cargo cariche di componenti per aerogeneratori. Circa la destinazione del materiale è stato opposto il silenzio, tanto meno si è saputo con certezza se esso servirà per la costruzione di un nuovo impianto o per aggiornare la tecnologia di uno già esistente, anche se in realtà si è poi riusciti a sapere che saranno destinate alla Marmilla.

È proprio la mancanza di chiarezza a far crescere il livello di attenzione dei comitati presenti nei territori, che si palesa anche organizzando eventi di interesse generale come quello in programma domenica prossima, 5 maggio, nel Montiferru. L’escursione, aperta a tutti, sosterà nei punti in cui, secondo il progetto della Sorgenia Renewables, dovrebbero essere dislocate alcune delle nove pale eoliche previste tra Seneghe e Narbolia. Un’area di elevato interesse ambientale e paesaggistico, su cui insistono diversi siti nuragici, che potrebbero essere compromessi dalla presenza degli aerogeneratori alti circa 210 metri. A raccontare l’importanza di quei monumenti sarà l’archeologa Marie France Ruf, mentre la naturalista Lara Bassu parlerà di flora e fauna selvatica. Presente anche Mauro Gargiulo, presidente di Italia Nostra Sardegna. L’appuntamento per i partecipanti è nella Piazza Santa Maria, alle 8.30.

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative