La Nuova Sardegna

Oristano

Le reazioni

Piero Comandini: «L’atto intimidatorio al Comune di Bosa gesto antidemocratico»


	Piero Comandini 
Piero Comandini 

Il presidente del consiglio regionale: «Il dissenso non si esprime attraverso atti vigliacchi»

12 maggio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Cagliari  Dura condanna è stata espressa dal Presidente del Consiglio regionale Piero Comandini per l’atto intimidatorio messo a segno nella notte del 12 maggio contro il portone di ingresso del palazzo del Comune di Bosa. Per il presidente Comandini è un gesto antidemocratico. «La coincidenza con la presentazione delle liste fa presumere che si tratti di un atto dimostrativo di dissenso. Ma in un paese civile le elezioni sono la più alta espressione della sovranità popolare che si esprime con la partecipazione elettorale e non attraverso atti vigliacchi messi a segno durante la notte. Esprimo la massima vicinanza al sindaco, agli amministratori e all’intera cittadinanza. Sono certo che questo episodio resterà isolato e servirà solo a rafforzare il senso democratico anche in vista delle ormai imminenti elezioni».

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative