La Nuova Sardegna

Le altre biglietterie finiscono sotto assedio

Le altre biglietterie finiscono sotto assedio

Corsa ad accaparrarsi un posto su Moby e Tirrenia. E qualcuno danneggia lo sportello di GoinSardinia

29 agosto 2014
2 MINUTI DI LETTURA





OLBIA. Lo sportello di GoinSardinia alla stazione marittima è chiuso da giorni. Mercoledì notte la polizia ha consigliato al personale di non aprirlo. Troppo alta la tensione. Ieri alle 6 però l’impiegata arriva al porto per cercare di ridurre il disagio dei passeggeri traditi da GoinSardinia. Ma le è stato impossibile lavorare.

Qualcuno ha messo sottosopra il piccolo ufficio. Impossibile usare anche il pc. La giovane dà comunque indicazioni ai turisti sulle modalità di rimborso. Una mail all’indirizzo gestioneclienti@goinsardinia.it con allegate le spese sostenute. Ma di sera non si parla più di ritardi. La parola corretta è soppressione delle corse Olbia-Livorno. Lo sportello è sempre chiuso. La compagnia degli imprenditori sardi si scusa e punta il dito contro la Anek lines, proprietaria della El Venizelos. «La Anek lines ha deciso di annullate la tratta Olbia-Livorno. Siamo consapevoli dei disagi provocati e vi chiediamo di provvedere a vostre spese all’acquisto di un nuovo biglietto e di inviarci la copia per la procedura di rimborso». GoinSardinia prova a poi a giustificarsi. «Abbiamo provveduto ad adempiere ai nostri doveri rifornendoci di carburante regolarmente pagato. Nonostante i nostri sforzi la Anek lines ha deciso di annullare le corse». E ora parte la corsa al biglietto. Ieri sera davanti agli sportelli di Moby e Tirrenia gli animi si sono scaldati. Due giovani fidanzati di Pistoia, Davide Begliomini e Marilena Maiani raccontano la loro esperienza. «Casualmente abbiamo saputo dei problemi della compagnia. A noi nessuno ci aveva avvisato. Abbiamo fatto la fila per acquistare il biglietto della Moby. Il passeggero prima di noi ha acquistato il biglietto a 250 euro per due persone e una utilitaria. Noi per due adulti e una Fiat Panda abbiamo dovuto pagarne 490».

L’unità di crisi si è mobilitata per garantire la disponibilità di posti per gli altri passeggeri di GoinSardinia in partenza da oggi in poi. Circa 4 mila i posti liberi sulle navi di Moby, Tirrenia e Sardinia Ferries. A Olbia, dalla partenza dell'ultima nave di ieri sera e fino all'ultima prevista per questa sera, sulle linee per Civitavecchia, Livorno, Genova e Piombino sono disponibili 3mila400 posti per passeggeri e 850 per auto al seguito. Su Golfo Aranci, per la sola linea di Livorno, 1000 passeggeri e 140 auto. (se.lu.)

In Primo Piano
Elezioni comunali 

Ad Alghero prove in corso di campo larghissimo, ma i pentastellati frenano

Le nostre iniziative