La Nuova Sardegna

Equipaggio infuriato sul traghetto fermo: «Pagate gli stipendi»

Equipaggio infuriato sul traghetto fermo: «Pagate gli stipendi»

Protestano a Livorno anche i 43 lavoratori di GoinSardinia Il sindacato dei trasporti minaccia il sequestro della nave

30 agosto 2014
1 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. L’odissea della El Venizelos, il traghetto noleggiato in Grecia da GoinSardinia, prosegue anche in Toscana. Momenti di tensione, ieri mattina, tra il personale navigante imbarcato sul traghetto, circa 43 persone, che lamentava il mancato pagamento della mensilità di agosto e il saldo di luglio. La situazione è rientrata dopo la minaccia di sequestro conservativo della nave avanzata dall'Itf (il sindacato internazionale dei trasporti) che ha portato l’armatore greco a garantire il versamento degli stipendi. A bordo del traghetto, che per il momento rimarrà fermo in banchina a Livorno, sono saliti anche gli ispettori della Capitaneria di porto livornese e la sanità marittima per verificare le condizioni igienico sanitarie della nave a seguito della denuncia dell'equipaggio italiano. L'armatore ha incaricato una agenzia di Livorno per le incombenze amministrative previste dalle normative vigenti. Infine sulla nave che si trova ormeggiata all'accosto 64 del porto di Livorno, sono state effettuati, da parte degli ispettori del servizio sicurezza della navigazione della Guardia costiera livornese e dei tecnici della Sanità marittima, le normali verifiche per attestarne la navigabilità. Questo in vista di un contenzioso che sarà aperto tra le GoinSardinia e la Anek Lines, la quale ha però fatto sapere d’aver applicato una delle causole risolutive del contratto di nolo, ovvero il mancato pagamento della rate, non liquidata da GoinSardinia. (g.p.c.)

In Primo Piano
Verso il voto

Gianfranco Ganau: sosterrò la candidatura di Giuseppe Mascia a sindaco di Sassari

Le nostre iniziative