Arriva il primo volo da Londra e ad Alghero ritorna il sorriso

Cerimonia con taglio del nastro e costumi tipici per il debutto del collegamento Easyjet con lo scalo di Luton. Peralda (Sogeaal): una sfida per il territorio. La compagnia: aiutiamo a destagionalizzare i flussi 

ALGHERO. La scena dev’essere sembrata proprio strana, per i passeggeri del volo che ieri ha inaugurato il nuovo collegamento EasyJet tra l’aeroporto “Riviera del corallo” di Alghero e lo scalo londinese di Luton. Sono scesi dall’aereo, hanno imboccato la scaletta di tutta fretta, per superare prima possibile quella folata di maestrale che gli ha dato il benvenuto in Sardegna e per divincolarsi da quella pioggia leggerissima che li faceva sentire ancora a casa. Eppure quell’accoglienza in grande stile, quella selva di telecamere, macchine fotografiche e microfoni puntati, tutto, gli dev’essere sembrato davvero troppo. Tutto sommato un volo che arriva da Londra non è un’impresa. È solo che da queste parti, in un aeroporto che prova a rialzarsi dopo tre anni tremendi, tutto fa festa. Anche il ritorno del collegamento diretto con una destinazione che, già molti anni fa, aveva cambiato una prima volta la storia dello scalo e del territorio. Quell’accoglienza, quel saluto a bordo da parte del management – assente il direttore generale Mario Peralda, c’erano i marketing manager del comparto Aviation, Raffaele Ciaravola, e Non aviation, Cesare dell’Erba – quelle due ragazze vestite col costume tipico e un cestino di pani tradizionali, devono averli straniti.

Eppure, tutta quella pompa magna un senso ce l’ha, perché la speranza è che si tratti di una nuova ripartenza. Alghero, il Nord Ovest Sardegna ci riprova. L’aereo ha toccato terra alle 12.19, con un po’ di anticipo rispetto alle 12.40 programmate. Il volo, arrivato da Luton con 78 passeggeri a bordo, è ripartito alle 13.15 con 140 persone dirette nella capitale inglese.

«EasyJet ha attivato nel 2012 il primo collegamento con Milano Malpensa, al quale si sono aggiunti successivamente i voli per Ginevra nel 2016 e Venezia nel 2017», ha commentato a freddo Mario Peralda. «L’attivazione del collegamento con Londra, che ha coinvolto anche Federalberghi Nord Sardegna – ha aggiunto – è senz’altro una sfida per il territorio, che dovrà saper cogliere e mantenere le potenzialità di sviluppo offerte dalla partnership con EasyJet». Soddisfazione anche dall’altra parte. «Il collegamento con Londra conferma la solidità del rapporto tra EasyJet e l’aeroporto di Alghero a favore dello sviluppo della connettività dell’isola verso quei Paesi europei fondamentali, come il Regno Unito», è la considerazione di Frances Ouseley, direttore di EasyJet per l’Italia. «Conosciamo le potenzialità del territorio e cerchiamo di interpretarne al meglio le esigenze, valorizzando turismo, crescita economica e sociale dell’isola – insiste Ouseley – questo è il primo collegamento su tutto l’anno, estate e inverno, e supporta anche l’obiettivo di destagionalizzare i flussi turistici e facilitare gli spostamenti di chi abita in Sardegna».

WsStaticBoxes WsStaticBoxes