Forestas, interrogazione in Consiglio

Il centrosinistra chiede perché manchi tuttora il commissario straordinario

CAGLIARI. Un’interrogazione in Consiglio regionale per chiedere al presidente della Regione Christian Solinas e all’assessore dell'ambiente Gianni Lampis il perché della mancata nomina dell'amministratore unico di Forestas e la conseguente paralisi delle attività istituzionali in capo all'agenzia regionale. L’hanno proposta i consiglieri del centrosinistra, primo firmatario Giuseppe Meloni del Pd, che vogliono conoscere «quali siano le ragioni che non consentono la conoscenza della deliberazione della Giunta regionale 42/42 del 22 ottobre 2019 riguardante la nomina del commissario straordinario dell'agenzia Forestas; se non ritengano necessario, in questa importante fase di transizione, accelerare la costituzione dell'organo di vertice dell'agenzia, viste le numerose e complesse attività da sviluppare per conseguire la piena operatività». I promotori ricordano che Forestas «è stata recentemente oggetto di una radicale riforma che ha interessato l'assetto dell'azienda medesima, il personale e le competenze». La minoranza ricorda che «dal 2 ottobre l'amministratore unico Giuseppe Pulina risulta decaduto e, da tale data, l'agenzia Forestas non ha ancora il suo rappresentante legale con il conseguente blocco di importanti attività relative anche all'applicazione della nuova normativa; e che il 22 ottobre è comparsa sul sito della Regione la deliberazione sulla nomina del commissario straordinario, «il cui testo però non risulta visibile e non si conosce l'identità del designato posto che non risulta neppure assunto il conseguente decreto di nomina dello stesso». I promotori parlano di «momento delicato per la vita dell'agenzia» e affermano l’urgenza che sia «rappresentata legalmente da un soggetto all’uopo abilitato». (a.palm.)

WsStaticBoxes WsStaticBoxes