Diciotto roghi, a Bono in fumo 6 ettari

Nel Goceano probabile origine dolosa. Fiamme anche a Orani e Loiri 

SASSARI. Diciotto incendi nelle ultime 24 ore, per 6 dei quali è stato necessario l’intervento dei mezzi aerei del Corpo forestale. Nel Sassarese si ipotizza l’origine dolosa per i roghi scoppiati nel Goceano: il nucleo investigativo ripartimentale della Forestale di Sassari, coadiuvato dal reparto di Bono, ha iniziato le indagini. Il primo vasto rogo è scoppiato nelle campagne di Burgos, dove è intervenuto un elicottero decollato dalla base del Corpo forestale di Anela. L'incendio ha percorso una superficie di pascolo cespugliato. A Bono, in località “Loddai”, sono invece intervenuti tre elicotteri, partiti dalle basi di Anela, Alà dei Sardi e Farcana, più un elicottero pesante SuperPuma proveniente da Fenosu. L’incendio ha percorso una superficie di circa 6 ettari di macchia mediterranea e pascolo alberato. Anche in questo caso si indaga per probabile matrice dolosa. In agro di Orani, località “Sadula”, è intervenuto un elicottero decollato dalla base di Sorgono. L’incendio ha interessato un fienile privato nei pressi della 131 dcn. Lo spegnimento, grazie al tempestivo arrivo delle squadre, si sono concluse in 15 minuti. Nel Comune di Loiri Porto San Paolo, località “Dispensa”, sono intervenuti due elicotteri arrivati dalle basi di Bosa e Limbara. L'incendio ha bruciato una superficie di circa 0.7 ettari di macchia mediterranea e pascolo. Un altro incendio è divampato in agro di Bottidda, località “Basileddu”, dove è intervenuto un elicottero proveniente dalla base di Anela.

WsStaticBoxes WsStaticBoxes