Alluvione in Sardegna: Bitti devastata piange i suoi morti, Olbia di nuovo nell'incubo

Gli operatori della Protezione civile al sottopasso di via Barbagia a Olbia (foto Giovanna Sanna)

Stamani 29 novembre in paese visita di Solinas con il capo della Protezione civile nazionale Borrelli e il direttore regionale Balloi

Alle 10 di oggi 29 novembre il presidente della Regione Christian Solinas sarà a Bitti con il capo della Protezione civile nazionale Angelo Borrelli e con il direttore generale della Protezione civile isolana, Antonio Belloi. A Bitti l'alluvione ha causato tre vittime e danni ingenti. La portata dell’evento è almeno quattro volte superiore a quello del 2013 (ci fu una vittima): in 24 ore, sul paese si è rovesciata una quantità d'acqua impressionante, 320 millimetri.

Novantasette chilometri a nord, Olbia vive nella preoccupazione: dieci giorni fa ha ricordato le vittime del ciclone Cleopatra con le candele accese sui davanzali delle case, oggi scruta il cielo e sta in ascolto di tutte le informazioni meteo, dopo che la Prefettura di Sassari ha fatto sapere che, secondo il Dipartimento della protezione civile nazionale, in Gallura ci potrebbero essere "piogge intensissime e forti mareggiate" nonché il "rischio di onde anomale con impatto sul territorio".

I servizi completi sul giornale in edicola e nella versione digitale

WsStaticBoxes WsStaticBoxes