La Nuova Sardegna

Firmato l’accordo

Nasce il primo giornale-portale per gli studenti Erasmus di tutta Europa: la nuova iniziativa del Gruppo Sae

Nasce il primo giornale-portale per gli studenti Erasmus di tutta Europa: la nuova iniziativa del Gruppo Sae

Le Università e gli altri player del famoso programma dell'Unione Europea avranno finalmente la possibilità di presentare ed arricchire la propria offerta formativa di carattere internazionale in un unico portale. Leonardis presidente Sae: «Siamo orgogliosi di scendere in campo in un progetto di così grande valore»

11 ottobre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Sarà il primo giornale-portale dedicato interamente agli studenti Erasmus di tutta Europa, in lingua inglese, che unirà le informazioni di servizio al racconto dell’esperienza dei tantissimi studenti che ne sono stati, ne sono e ne saranno protagonisti. Nella sostanza, sarà il primo luogo informativo-narrativo a livello mondiale dedicato all'Erasmus e all’Europa, che sarà raccontata attraverso gli occhi dei nostri ambassador-inviati nelle città, ovvero gli studenti Erasmus

Le Università e gli altri player del vincente programma dell'Unione Europea avranno finalmente la possibilità di presentare (ed arricchire) la propria offerta formativa di carattere internazionale in un unico portale, dando la possibilità ai futuri studenti di scegliere il proprio percorso di studi anche alla luce delle opportunità internazionali esistenti in un determinato Corso di Laurea.

L’accordo per l’iniziativa editoriale congiunta è stato siglato nei giorni scorsi a Malta tra Gruppo Sae, società editrice proprietaria, tra le altre molteplici attività, dei quotidiani Il Tirreno, La Nuova Sardegna, La Gazzetta di Modena, La Gazzetta di Reggio Emilia e La Nuova Ferrara, e la Fondazione garagErasmus, attiva fin dal 2012 con l’obbiettivo di creare un sempre più ambizioso professional network degli ex Erasmus, coordinando l’attività con la Commissione Europea e gli altri membri dell’ESAA, acronimo per Erasmus Students and Alumni Alliance, con sedi in tutta Europa, le gE4Cities che organizzano le attività locali.

«Siamo orgogliosi di scendere in campo con l’apporto di tutto il nostro know-how – spiega Alberto Leonardis, ceo e presidente Sae - in un’iniziativa di così grande valore sia pratico che ideale, a supporto dei tantissimi nostri giovani che ogni giorno solcano le strade dell’Europa per arricchire il loro bagaglio di conoscenza e di esperienza e per riempire la “cassetta degli attrezzi” che gli permetterà di inserirsi con più facilità nel mondo del lavoro. Saranno loro l’obbiettivo ma anche il mezzo con il quale realizzeremo il nostro portale, con la guida dei nostri giornalisti più esperti, convinti che non ci sia miglior “inviato” di chi vive e respira sul campo questa bellissima esperienza di vita»

Alcuni dati Secondo l’Erasmus+ Annual Report 2021. Alla fine del 2021 i partecipanti a programmi di mobilità dal 1987 sono stati 12.5 milioni. Nell'anno 2021, le mobilità per l’apprendimento hanno interessato 648.640 persone, studenti e staff, di cui il 59% di sesso femminile. 

In Primo Piano
Tentato omicidio a Capoterra

In coma il 15enne accoltellato, l’aggressore resta in carcere

di Luciano Onnis
Le nostre iniziative