La Nuova Sardegna

Gusto

Guida Michelin 2024, la cucina della Sardegna conserva le sue “Stelle”

di Andrea Massidda
Guida Michelin 2024, la cucina della Sardegna conserva le sue “Stelle”

Dalla cerimonia di presentazione e premiazione della Bibbia culinaria l'isola torna con un dignitoso pareggio: confermati i sei riconoscimenti. Ecco a quali chef e ristoranti

14 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Le stelle non sono tantissime, ma rimangano comunque un punto fermo nel firmamento culinario sardo. Dal “Teatro Grande” di Brescia, dove oggi 14 novembre si è celebrata la cerimonia di presentazione e premiazione della Guida Michelin Italia 2024, la cucina isolana torna a casa con un dignitoso pareggio: sei erano i riconoscimenti gourmet assegnati ad altrettanti ristoranti della Sardegna l’anno scorso, e sei resteranno per i prossimi dodici mesi.

Chef stellati Una piacevole conferma (e sia chiaro: mai scontata) per i cuochi impegnati dietro i fornelli dei locali “Dal Corsaro” di Cagliari (Stefano Deidda), “Fradis Minoris” di Pula (Francesco Stara), “Somu” di Baia Sardinia (Salvatore Camedda), “ ConFusion” di Porto Cervo (Italo Bassi), “Il Fuoco Sacro” di San Pantaleo (Luigi Bergeretto) e “Gusto by Sadler” di San Teodoro (Claudio Sadler, appunto), che conservano il prestigioso distintivo conferito dalla Bibbia della ristorazione di qualità. C’è da dire – e questa è forse l’unica nota stonata – che soltanto “Dal Corsaro”, tra i sei stellati, garantisce l’attività di ristorazione tutto l’anno, mentre gli altri sono ad apertura stagionale.

Bib Gourmand Ma – sempre parlando di cucina in Sardegna – non passano certo inosservate le segnalazioni di altri 8 ristoranti, consacrati dalla celeberrima Guida Rossa nella sezione “Bib Gourmand”, quella dedicata ai locali che offrono il miglior rapporto qualità-prezzo. Nella speciale classifica Michelin, per l’isola compaiono infatti i luoghi cagliaritani “Chiaroscuro”, “Cucina.eat”, “Josto” e “Old friend”, poi l’evergreen “Su Gologone” di Oliena, la “Trattoria Margherita” di Arborea, l’agriturismo “Sa Mandra” di Alghero e “Coxinendi” di Sanluri.

Stella Verde Uno solo, infine, il riconoscimento per i ristoranti sardi particolarmente impegnati in una cucina sostenibile (si va dal metodo alla filosofia passando per la stagionalità). E la Stella verde va sempre a “Fradis Minoris” di Pula.

Tre Stelle A livello nazionale, nel 2024 saranno 13 i ristoranti a fregiarsi delle 3 Stelle Michelin, che tornano dopo tanti anni nel Sud con il ristorante “Quattro Passi” di Nerano, dove si coniuga la cucina mediterranea con l’ ospitalità campana.

In Primo Piano
Trasporti

Aeroitalia saluta Alghero: «Costi troppo alti impossibile proseguire»

di Claudio Zoccheddu
Sardegna

Sassari, oltre duemila persone in piazza d'Italia per l'Otello

Le nostre iniziative