La Nuova Sardegna

Una città e le sue storie
Una città e le sue storie – Sassari

Un lungo viaggio dentro il tempo

di Giacomo Bedeschi
Un lungo viaggio dentro il tempo

Il viaggio de La Nuova Sardegna alla scoperta dei segreti delle nostre città

20 novembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Sassari Una città e le sue storie. Tante, a volte persino sconosciute. Ma tutte parte di un racconto che dura da millenni e che dipinge una terra e la sua comunità. Parte oggi, sulle pagine della Nuova, un viaggio che attraversa i secoli per farci scoprire tutto di Sassari. Non si tratta di un compendio enciclopedico. Non è questo il nostro mestiere. Ma, siccome il giornale stesso è un pezzetto quotidiano di una storia sempre più grande, vogliamo raccontarvi questa città e le sue facce. Senza l’ambizione di trasformarci in storici improvvisati ma sfruttando la curiosità che sta alla base del giornalismo e facendo ricerche, recuperando vecchi testi, immagini, ritagli del nostro stesso giornale, parlando con chi lo storico lo fa di professione.

Ecco, è questo il senso dell’inserto che da oggi, a cadenza mensile, potrete sfogliare e che abbiamo appunto deciso di chiamare “Una città e le sue storie”. Leggendo queste pagine scoprirete che buona parte della storia di questa città è a portata di mano. E a portata di tutti. In via dell’Insinuazione, l’Archivio storico comunale è un vero scrigno di memorie sassaresi che guarda però al futuro con l’ambizioso progetto di digitalizzazione, per far sì che un patrimonio inestimabile possa resistere per sempre al tempo che scorre.

C’è di tutto, compresa la meravigliosa collezione di negativi e stampe del fotografo sassarese Salvatore Marras. Ne vedrete alcune, tra le quali una ritrae Alcide De Gasperi durante un comizio in una piazza d’Italia affollatissima per la campagna elettorale del 1948. È una foto che nasconde una storia da commedia che coinvolse l’allora segretario del Pci, Palmiro Togliatti, con presunti complotti omicidi. Vi rimandiamo all’articolo senza rubarvi il piacere della sorpresa. È solo una delle tante vicende narrate in queste prime otto pagine pensate per raccontare Sassari fuori dagli schemi tradizionali della narrazione più scolastica. Seguiranno altre puntate, nelle quali ogni volta punteremo lo sguardo su ciò che è già noto, provando a raccontarvelo con una chiave di lettura diversa, o su fatti e personaggi di cui si erano perse le tracce nel passare incessante del tempo.

Vi proporremo curiosità e storie. Da quelle più alte a quelle popolari ma in fondo non meno importanti o sentite dalla città e da chi la vive. Perché questa è una città orgogliosa, fatta di tradizioni uniche. Forse anche perché, come racconta il professor Antonello Mattone, questa è una comunità composita e il suo dialetto, nato dalla fusione tra sardo, italiano e corso con contaminazioni catalane e spagnole ne è lo specchio perfetto. E ci sarà altro ancora, pescando dai piani “nobili” della storia senza però perdere di vista il lato popolare di Sassari. Ci sono i grandi personaggi, compresi due presidenti della Repubblica, ma ci sono anche tanti altri sassaresi che meritano una menzione.

Ci sarà uno spazio speciale anche per lo sport, perché, anche qui, Sassari è riuscita a produrre emozioni, passioni e legami che non si spezzano con le sue squadre e i suoi campioni. Buona lettura. Oggi si parte con Sassari ma ci sarà spazio, nelle prossime settimane e nei prossimi mesi anche per altre città della Sardegna. Sempre con lo stesso piacere di raccontare. Ma sempre nel rispetto della verità. Perché, come dice il gufo Anacleto in un noto film di Walt Disney, «non si può studiare la storia alla rovescia: è già abbastanza confusa così com’è».

In Primo Piano
Politica

Sassari, il primo discorso di Giuseppe Mascia: «È venuto il momento della responsabilità: le priorità sono lavoro e salute»

di Giovanni Bua
Le nostre iniziative