La Nuova Sardegna

Il meteo

Addio al caldo anomalo: da martedì in Sardegna crollo delle temperature

Addio al caldo anomalo: da martedì in Sardegna crollo delle temperature

Arrivano correnti fredde dalla Scandinavia che spazzeranno via il clima quasi estivo dello scorso fine settimana

15 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Sassari Il caldo quasi estivo dello scorso fine settimana sarà spazzato via tra domani e mercoledì. Nell’arco di questi due giorni, infatti, in Sardegna le temperature dovrebbero abbassarsi drasticamente, anche di dieci gradi rispetto a quelle del week end. “Un'insidiosa irruzione di aria fredda è destinata a destabilizzare il tempo (e il clima) almeno su parte del nostro Paese”, dice Antonio Sanò, fondatore del sito IlMeteo.it .

 “Tutta colpa di una vasta area depressionaria localizzata tra la Finlandia e la Svezia che riuscirà a pilotare correnti d'aria di origine polare (quindi molto fredde e instabili) fin sul bacino del Mediterraneo, innescando una fase di maltempo”. In Sardegna i fenomeni dovrebbero essere limitati, concentrati soprattutto nel versante orientale e nella seconda parte della settimana. Ma si noterà il ritorno a un clima più fresco.

“Le temperature subiranno uno scossone, tanto che potrebbero portarsi fin sotto le medie climatiche di riferimento: la differenza potrebbe risultare ancor più marcata considerando che arriveremo da un periodo più simile all'inizio dell'Estate che al mese di aprile. Il crollo termico interesserà soprattutto le regioni di Nordest e gran parte del Centro-Sud: su queste zone, entro giovedì 18, i termometri potranno crollare anche di 14/15°C rispetto a questi giorni”.

Le zone a maggiore rischio di precipitazioni saranno il Nord Est e, successivamente, il Centro-Sud (qui soprattutto da metà settimana): “L’irruzione di Bora sul versante Adriatico favorirà infatti la formazione di un profondo ciclone che scatenerà venti forti e temporali. A causa dei forti contrasti che potrebbero venirsi a creare tra masse d'aria diverse non escludiamo la possibilità di eventi estremi come grandinate e nubifragi: dopo la fase di caldo anomalo dei giorni scorsi, è aumentata infatti l'energia potenziale in gioco (caldo e umidità) nei bassi strati dell'atmosfera e di conseguenza il rischio di forti temporali”.

In Primo Piano
L’inchiesta

Truffa del “bonus facciate”, la Procura di Sassari chiede 53 rinvii a giudizio

di Nadia Cossu
Le nostre iniziative