La Nuova Sardegna

Criticità

Nonostante le piogge la siccità resta un’emergenza: confermate le restrizioni nelle campagne, a rischio anche l’uso potabile

Nonostante le piogge la siccità resta un’emergenza: confermate le restrizioni nelle campagne, a rischio anche l’uso potabile

Si conferma che il problema riguarda soprattutto il nord dell’isola

03 giugno 2024
1 MINUTI DI LETTURA





Sassari Restrizioni per l'irrigazione nelle campagne, soprattutto nel nord della regione e rischio stop anche per l'uso potabile, proprio a ridosso della stagione turistica. In Sardegna la siccità è già un'emergenza, nonostante le piogge della tarda primavera. Attualmente, con i dati aggiornati al 31 maggio, su una disponibilità degli invasi pari a 1.824 milioni di metri cubi di acqua, l'acqua presente nelle dighe è pari a 1.145,63 milioni, ossia il 62,8%, in calo rispetto al 65,5% di aprile quando nei bacini artificiali sardi erano presenti 1.194 milioni di metri cubi. Ma nel raffronto con lo stesso periodo dello scorso anno la differenza è di 16 punti percentuali, 1.433,25 milioni di metri cubi a maggio 2023 ossia il 78,6%.

Tra le criticità l'Alto Cixerri, con gli invasi di Punta Gennarta e Medau Zirimilis, con una disponibilità di risorsa idrica pari solo al 14,8% e un indicatore di stato che si trova già sul livello di emergenza. In situazione di "allerta" il sistema idrico dell'Ogliastra, Posada (diga di Maccheronis) e gli invasi del sistema idrico nord occidentale, Alto Coghinas e Alto Taloro. Migliore la situazione nei bacini del Tirso (93,4%) e del Liscia 77%, meno bene in quello del Flumendosa con il 45,4%.

In Primo Piano
L'appello

Gara di solidarietà a Macomer Tutti in fila per aiutare Antonio

di Simonetta Selloni
Le nostre iniziative