La Nuova Sardegna

Arcipelago Sardegna
Eventi

Il progetto “Freemmos” fa tappa a Orune: festa grande con “Poetas e emigrados”


	Una veduta panoramica di Orune
Una veduta panoramica di Orune

Premiazione dei vincitori e convegno sullo spopolamento. Comune insieme all’Unione Montalbo, Fondazione Maria Carta, Fasi e circolo Shardana di Perugia

04 luglio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Orune Doppio evento organizzato dal Comune di Orune in collaborazione con la Fondazione Maria Carta: sabato prossimo, 5 luglio 2024, la premiazione delle poesie vincitrici del concorso letterario; domenica, alle 17, invece, il convegno su emigrazione e spopolamento, con la presentazione del progetto “Freemmos” e dalle 21 serata musicale. “Freemmos” è il progetto della Fondazione Maria Carta dedicato al contrasto allo spopolamento, progetto che prosegue così il suo cammino per sensibilizzare cittadini e istituzioni, non solo della Sardegna, su un fenomeno che investe ormai anche le città, non solo i piccoli centri, e non più unicamente l’isola. In questi anni la carovana di “Freemmos” è stata nella Penisola e in altri stati europei, perché lo spopolamento è un processo che riguarda diverse aree dell’Italia e dell’Europa. La Fondazione Maria Carta ha toccato direttamente, per esempio, la situazione in Spagna, in particolare a El Frago, a due passi da Saragozza.

Quest’anno “Freemmos” è già stato a Portoferraio, sull’isola d’Elba, e a Nuoro. Domenica prossima 7 luglio 2024 si torna in Barbagia, a Orune, per “Poetas e emigrados”, evento organizzato dall’amministrazione comunale, in collaborazione con l’Unione dei Comuni del Montalbo, la Fasi (Federazione delle associazioni sarde in Italia), il Circolo dei sardi “Shardana” di Perugia e, ovviamente, la Fondazione Maria Carta.

L’iniziativa è finanziata dall’Unione europea nell’ambito del progetto Maeci “Il turismo delle radici”. Domenica pomeriggio alle 17, nella biblioteca comunale, è in programma il convegno “Poetas e emigrados”. Dopo il saluto della sindaca Giovanna Porcu e dell’assessora alla Cultura Giuliana Pittalis, prenderanno la parola Mario Paffi, referente regionale progetto Maeci “Il turismo delle radici”, Bastianino Mossa, presidente della Fasi, Silvestra Pittalis, fondatrice di Ammentos, e Nicoletta Menneas, del Circolo Shardana di Perugia. Previsto l’intervento di Leonardo Marras, presidente della Fondazione Maria Carta, e di Giacomo Serreli, che presenteranno “Freemmos. Le giornate contro lo spopolamento”, con la proiezione del docufilm che racconta sette anni del progetto. In scaletta anche le testimonianze dirette dei circoli dei sardi dell’Italia centrale. Seguirà alle 21, in piazza Latino Lanfranco, una serata musicale a cura dell’amministrazione comunale e dalla Fondazione Maria Carta, con il gruppo Tenore Sant’Andria di Orune, Maria Giovanna Cherchi, Quartetto Etno Folk e i Niera. Presenterà Giacomo Serreli. Il giorno precedente, sabato 6 luglio, alle 18, nella biblioteca comunale, il progetto “Poetas e emigrados” prevede la premiazione delle poesie vincitrici del concorso letterario.

In Primo Piano
Sanità

Reparti chiusi in tutta l’isola, ospedali vicini al collasso

di Giuseppe Centore
Le nostre iniziative