La Nuova Sardegna

Sassari

La decisione del gup

Sassari, processo Erittu: non luogo a procedere per Patrizia Incollu e Luciano Piras

di Nadia Cossu
Sassari, processo Erittu: non luogo a procedere per Patrizia Incollu e Luciano Piras

Erano accusati di falsa testimonianza ma per il giudice il fatto non sussiste

30 novembre 2023
1 MINUTI DI LETTURA





Sassari  Non luogo a procedere “perché il fatto non sussiste”. È la sentenza pronunciata questa mattina 30 novembre dal gup di Sassari Gian Paolo Piana nei confronti di Patrizia Incollu, all'epoca direttrice del carcere di San Sebastiano, e di Luciano Piras, all'epoca sovrintendente della polizia penitenziaria nello stesso istituto. 
L'accusa per entrambi (difesi la prima dall'avvocato Giorgio Murino, il secondo dagli avvocati Patrizio Rovelli e Fabrizio Rubiu) era quella di falsa testimonianza nell'ambito del processo sulla morte in cella del detenuto Marco Erittu, avvenuta nel 2007. Caso archiviato in un primo momento come suicidio e poi riaperto con un'indagine per omicidio che dopo anni ha portato alla condanna all'ergastolo in appello di tre persone, tra le quali un agente di polizia penitenziaria. Imputati che in primo grado erano stati assolti.

Una sentenza, quella di oggi, che arriva a un mese di distanza dalla tragica morte di Patrizia Incollu, deceduta in seguito alle terribili conseguenze di un incidente stradale avvenuto il 20 ottobre sulla statale 389 Nuoro-Lanusei nel quale aveva perso la vita anche l’agente di polizia penitenziaria Peppino Fois.

La rabbia degli agricoltori

Il movimento dei trattori blocca il porto di Cagliari: «Basta con le prese in giro»

di Andrea Sini
Le nostre iniziative